Aumento di capitale per il gruppo di Cinecittà

Abete_LuigiAbete & C. chiamano gli altri soci a sottoscrivere un aumento di capitale da 13,8 miliardi

 

ROMA – L’assemblea dei soci della Italian Entertainment Group (Ieg) si è riunita sotto la presidenza di Luigi Abete e ha deliberato un aumento di capitale da 51,2 a 65 milioni di euro, di cui i primi 9,8 milioni, pari al valore nominale di ciascuna azione con un sovrapprezzo del 100%, riservato agli attuali soci e gli altri 4 milioni con sovrapprezzo del 200%.

Bocche cucite a via Tuscolana sulla finalizzazione della nuova raccolta di fondi tra i soci. Come si ricorderà infatti nel 2012 c’era già stata una manovra analoga di ricapitalizzazione (da 46 a 51 milioni, con un sovrapprezzo del 150%) che, si disse, aveva lo scopo di supportare gli ambiziosi programmi di crescita della partecipata Cinecittà studios e dei business collegati.

Oltre a Cinecittà Studios, infatti, Ieg detiene la subholding operativa Filmmaster Group (attiva con Filmmastwer Productions negli spot e serial tv) e Filmmaster Events e opera anche nel comparto parchi e villaggi tramite Cinecittà Entertainment che sta realizzando il parco a tema Cinecittà World nell’area di Castel Romano, ove sorgerà anche una infrastruttura dedicata al commercio e un resort.

Tuttavia la situazione patrimoniale di Italian Entertainment Group potrebbe presentare la necessità di qualche intervento, dal momento che a fine 2012 la perdita sfiorava i 2 milioni di euro che, sommata al passivo di 661 mila euro dell’anno prima, potrebbe richiedere l’utilizzo di riserve o di altre risorse.

D’altro canto, anche il preannunciato piano di investimenti per Cinecittà comporta un consistente impegno di mezzi finanziari. Si tratta infatti di un progetto di sviluppo diviso in due fasi: da una parte la costruzione di un grande teatro di posa, di un luogo di ristorazione e di un albergo; dall’altra la costruzione di un Distretto del Cinema e del Multimediale volto a “ospitare altre società del settore, laboratori, centri formativi, spazi professionali e centri di ricerca”.

Per quanto riguarda il teatro di posa, si tratterà di una struttura delle dimensioni del Teatro 5 “attrezzato con le migliori tecnologie per renderlo flessibile e modulare, adatto alle riprese cinematografiche con integrazioni digitali e 3D, moderni uffici e attrezzerie necessari al funzionamento non solo del nuovo teatro di posa, ma anche di tutti gli altri teatri limitrofi”.

La ricapitalizzazione del gruppo varata in questi giorni dovrà essere sottoscritta entro marzo per la parte riservata ai soci ed entro i tre mesi successivi per la tranche restante. I soci attuali di Ieg sono Diego Della Valle col 30%, seguito da De Laurentiis (Filmauro) col 22,4%, Veronica (jontventure tra Abete e il patron di Tod’s) col 21%, la famiglia Haggiag (Orium) con l’11%, mentre quote minori sono detenute dai costruttori Navarra (Ad Astra) e da Giuseppe Cornetto Bourlot (Orium Kines Finanziaria), genero di Francesco Merloni, sbarcato da poco nella cordata di Massimo Caputi per rilevare la Prelios da Pirelli.

Potrebbero interessarti anche