Cairo favorito nella gara per La7

Tralicci_tvSecondo attendibili previsioni, l’industriale piemontese dovrebbe spuntarla sul fondo Clessidra

 

ROMA – Ormai sono rimasti in due, Clessidra e Cairo Communication, a contendersi il pacchetto di TiMedia messo in vendita da Telecom. Anche se le due offerte sul tappeto non sono paragonabili tra loro, il secondo, stando alle ultime indiscrezioni, sarebbe in pole position.

Il fondo Clessidra di Claudio Sposito ha infatti offerto 330 milioni di euro per rilevare l’intero gruppo, cioè le due emittenti televisive, La7 e Mtv, più la società proprietaria dei 3 multiplex di Ti Media Broadcasting (Timb). L’offerta è già stata giudicata insufficiente e fino a questo momento non si ha notizia di un suo rilancio.

Urbano Cairo invece si sarebbe impegnato con 100 milioni per rilevare le sole emittenti televisive, con tutti gli attuali dipendenti. In più avrebbe chiesto a Telecom di accollarsi il debito della 7 per i due esercizi 2012 (52 milioni di euro) e 2013 (circa 30 milioni). Per agevolare la conclusione dell’accordo, pare che il gruppo di Bernabè non solo si accollerebbe i debiti, ma sarebbe anche disposto a concedere al compratore un prestito infruttifero di 50 milioni.

A prima vista l’opzione Cairo sembrerebbe la meno interessante, ma approfondendo tutti gli aspetti del business si capisce meglio l’interesse di Telecom Italia di dismettere i soli asset no core, fonti di grosse perdite, e mantenere invece nel proprio perimetro di attività l’operatore di rete Timb con le sue torri. Questa società infatti ha buone prospettive di sviluppo e di redditività (nei primi nove mesi del 2012 i ricavi ammontano a 56,3 milioni di euro, rispetto ai 40,7 milioni di euro del corrispondente periodo del 2011). Senza contare la possibile futura riconversione delle frequenze tv in frequenze per le telecomunicazioni.

L’esito finale del confronto tra le due offerte rimaste in gara si avrà solo il prossimo 7 febbraio, quando è già stato convocato il consiglio di amministrazione di Telecom Italia incaricato di decidere.

Potrebbero interessarti anche