Campidoglio, via al quinto rimpasto di Giunta

Aula_Giulio_Cesare_sliderSi dimettono tre assessori in corsa per la Regione Lazio. Lunedì la nuova Giunta sempre più ‘rosa’

 

ROMA – A pochi mesi dal turno elettorale per la poltrona di sindaco di Roma, nuovo rimpasto per la Giunta Alemanno che ‘saluta’ tre assessori: Antonello Aurigemma, assessore alla Mobilità, Fabrizio Ghera ai Lavori Pubblici e Marco Visconti all’Ambiente.

Nella tarda serata di ieri ne ha dato notizia lo stesso Gianni Alemanno, che sulla sua pagina Facebook ha spiegato: ”Tre ottimi assessori della mia Giunta si sono dimessi, perché candidati alle elezioni regionali del Lazio. Antonello Aurigemma, Fabrizio Ghera e Marco Visconti – scrive il sindaco – hanno dato l’esempio di non voler sovrapporre i loro incarichi istituzionali con una competizione elettorale. La buona politica esiste”.

Dunque i tre assessori, candidati alle elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale del Lazio, lasciano il Campidoglio e l’impegno al sindaco di individuare i loro sostituti.

Alemanno nel suo post sul social network sottolinea inoltre l’opportunità di questo gesto e non manca di lanciare una provocazione a due candidati del centrosinistra alla Regione. ”I due presidenti di municipio, anch’essi candidati alle elezioni, faranno lo stesso?”, si chiede riferendosi a Fabio Bellini (XVI) e Antonella De Giusti (XVII), impegnati nella campagna elettorale per la Pisana. “Domani – annuncia infine il primo cittadino – ci sarà l’ultima Giunta con il vecchio assetto e lunedì faremo una conferenza stampa per presentare i nuovi assessori”. E, in merito alla nuova formazione e alla questione delle quote rosa, il sindaco ha aggiunto: “Stiamo studiando. Il mio auspicio comunque è quello di aumentare al massimo la presenza di donne in Giunta”.
Circolano già i nomi dei papabili sostituti, sempre più ‘rosa’: due dei tre nuovi assessori saranno infatti con tutta probabilità donne.

Alla Mobilità, la sfida è tutta interna al gruppo che fa capo ad Aurigemma (area Tajani): si fanno i nomi di Maria Spena, ex assessore in II Municipio e consigliere del Cda di «Risorse per Roma» e Angela Musumeci, dirigente dell’unità operativa del Comune per l’attuazione del piano parcheggi. Per ricoprire il posto lasciato libero da Visconti all’Ambiente si pensa a Gloria Pasquali, vicina alla componente di Alemanno, attuale assessore alle Politiche sociali del II Municipio II.

Al posto infine di Ghera, da poco passato con «Fratelli d’Italia» della Meloni, la situazione è più complicata in quanto si aspetta l’indicazione del partito di riferimento. L’unico nome che per il momento circola è quello del suo capo segreteria, Massimo Milani. Non ci dovrebbero essere cambi, invece, al vertice del gruppo capitolino del Pdl. Al capogruppo Luca Gramazio, anch’egli candidato per la Pisana, è stato chiesto di restare al suo posto, almeno fino alle elezioni.

Il «rimpasto» era stato chiesto a gran voce dall’area del Pdl vicina al coordinatore Gianni Sammarco non certo per ottenere assessorati, ma per «stoppare» gli appetiti degli avversari interni in vista delle regionali, dove si è già scatenata la bagarre: i posti sono pochi (5-6 al massimo), i pretendenti molti.

La decisione di Alemanno di mettere mano al quinto rimpasto è stata presa anche per evitare la tagliola dell’ultimo ricorso in sospeso al Tar sulle quote rosa. Il 7 febbraio infatti dovrebbe esserci la decisione nel merito sul ricorso che presentarono Monica Cirinnà (Pd) e Gemma Azuni (Sel).

Potrebbero interessarti anche