16:29 | Campidoglio, il principe Domenico Orsini si candida sindaco di Roma

Il principe Domenico Orsini si candida sindaco di Roma, e lancia la sua candidatura con il movimento Progetto Italia, invitando nel contempo “i cittadini ad annullare la scheda elettorale alle imminenti elezioni politiche”.

“Ho fatto un movimento d’opinione che si chiama Progetto Italia e con cui lancio la mia provocazione: mi candido a sindaco di Roma”: con queste parole il principe Domenico Napoleone Orsini annuncia in anteprima la sua candidatura al Campidoglio in un’intervista a tutto campo rilasciata al Fattoquotidiano.it.

“Saranno i romani ad indicarci le priorità, il programma da seguire – spiega Orsini – Saranno candidate persone serie per rilanciare questa città”. Per il neo candidato “Alemanno dovrebbe occuparsi un pochino più di Roma, tanto di neve non capisce niente e lo abbiamo visto. Ma non voglio giudicare, è troppo facile, voglio dare il mio contributo, provenendo dalla società civile, alla mia città”.

Sul fronte delle elezioni politiche l’idea del principe è diversa: invita i cittadini italiani ad andare a votare ma ad annullare la scheda in segno di protesta verso l’attuale classe politica.

Il principe candidato sindaco può contare su un’antica araldica: la famiglia Orsini è una tra le più antiche famiglie della nobiltà romana, che annovera nel suo albero genealogico due papi, Niccolò III (ovvero Giovanni Gaetano Orsini) e Benedetto XIII (Pietro Francesco Orsini) e 34 cardinali. Vari suoi rappresentanti sono stati protagonisti illustri nel Basso Medioevo e nel Rinascimento, tanto da ottenere numerosi titoli e feudi: prefetto di Roma, gonfaloniere della Chiesa, principe assistente al Soglio pontificio, gran connestabile e gran cancelliere del Regno di Napoli.

Il Progetto Italia, lanciato dal candidato, dall’altro lato “si avvarrà di una piattaforma innovativa di giornalismo partecipativo, che si propone di riempire il gap di comunicazione tra media e pubblico, la prima piattaforma che mette sullo stesso livello l’informazione e le proposte civiche e sociali, redattori e utenti. E – spiega lo staff del principe – l’intento è quello di creare un movimento di opinione che dia voce al cittadino e gli permetta di essere parte attiva nella vita politica e sociale dell’Italia attraverso suggerimenti, contributi, segnalazioni e denunce”.

Potrebbero interessarti anche