Luciano Ciocchetti – Udc – Regione

ciocchettiRisolvere le criticità dell’erogazione dei contributi per l’assistenza domiciliare indiretta

Nei giorni scorsi, sono venuto a conoscenza di alcune criticità relative alla riforma del servizio di Assistenza Domiciliare Indiretta che non si possono sottovalutare. Per questo ho segnalato le problematiche relative alla riforma suddetta, al Sindaco di Roma, Gianni Alemanno con la seguente lettera.

“A seguito dei mutamenti normativi introdotti dalla delibera G.C. n. 355/2012, i pagamenti relativi all’erogazione dei contributi per l’Assistenza Indiretta saranno gestiti dai Municipi di competenza, e non più versati direttamente all’utente. Inoltre, salvo deroghe derivanti da casi di particolare disabilità dell’utente, le prestazioni che vengono rimborsate dal Municipio prevedono la copertura di 16 ore di assistenza settimanali, contro le 10 ore giornaliere assicurate fino al periodo antecedente l’approvazione della delibera.

Con i mutamenti normativi suddetti, il rischio è quello di non riuscire a garantire la continuità del servizio assistenziale fino ad oggi prestato agli utenti. Tutto questo avrà un impatto enorme sulle famiglie, che fino ad oggi hanno usufruito della possibilità di stipulare un accordo privato con l’assistente personale, stabilendo tempi, modalità e mansioni, senza doversi adattare a logiche organizzative derivanti da una diversa forma contributiva.

Gli utenti affetti da disabilità grave saranno costretti a fare ricorso al ricovero presso strutture ospedaliere per fare fronte alle esigenze di cura quotidiane, lontano quindi dall’ambiente familiare al quale sono abituati e prevedendo al tempo stesso un aggravio di spesa da parte delle Istituzioni. Le persone con disabilità devono essere messe nelle condizioni di poter scegliere, al pari di tutte le altre”.

Potrebbero interessarti anche