10:23 | Carburanti, prezzi in salita senza sosta. Verde a 1,939 euro al litro

Qualche margine per scendere sul prezzo della benzina, dopo gli ultimi arretramenti delle quotazioni internazionali, ci sarebbe. Tuttavia, l’altalena dei mercati induce all’attesa e le compagnie petrolifere decidono di restare alla finestra.

Così mentre i prezzi raccomandati non registrano variazioni, quelli praticati sul territorio non arrestano l’ascesa sull’onda dei rincari dei giorni scorsi. La “punta” della “verde”, in base al monitoraggio di QE, tocca dunque al Centro del Paese 1,939 euro/litro in più di un punto vendita. Stabili al contrario i massimi del diesel (1,812) e del gpl (0,883).

Le medie nazionali invece si posizionano a 1,889 euro/litro per la benzina (comunque al di sotto di 1,9), 1,789 per il diesel e 0,854 per il gpl. No-logo sostanzialmente ferme sebbene con indicativi segnali di flessione sulla benzina.

Più nel dettaglio, a livello Paese, secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per il Servizio Check-Up Prezzi QE, il prezzo medio praticato della benzina (sempre in modalità “servito”) va oggi dall’1,867 euro/litro di Eni all’1,889 di Shell (no-logo a 1,782). Per il diesel si passa dall’1,777 euro/litro sempre di Eni all’1,789 ancora di Shell (no-logo a 1,655). Il gpl infine è tra 0,842 euro/litro di Eni e 0,854 di IP (no-logo a 0,806).

Potrebbero interessarti anche