10:43 | Fisco, scoperta maxi evasione da 26 milioni a Cassino

La Guardia di Finanza di Cassino ha scoperto una rilevante evasione fiscale posta in essere da due società collegate, entrambe del cassinate, operanti nel settore del commercio di autoveicoli che, nel periodo tra il 2007 e il 2011, ha sottratto alle casse dell’Erario basi imponibili ai fini delle imposte dirette per oltre 26 milioni di euro, rendendosi responsabile di violazioni in materia di imposta sul valore aggiunto per oltre 2,6 milioni di euro.

Le Fiamme Gialle hanno eseguito due verifiche fiscali nel corso delle quali hanno fatto ricorso anche alle indagini finanziarie nei confronti delle società e di tutte le persone che le hanno gestite individuando un articolato sistema fraudolento che ha consentito al soggetto verificato di conseguire consistenti e indebiti risparmi di imposta nel corso degli ultimi anni.

In particolare, è stato appurato che l’amministratore di entrambe le società, un quarantaduenne di origini francesi e residente a Cassino, effettuava transazioni riferibili all’azienda attraverso i propri conti correnti personali, occultando al fisco gran parte delle risorse finanziarie correlate alle operazioni economiche

delle sue imprese. L’imprenditore è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Cassino per i reati di dichiarazione infedele relativamente agli anni dal 2007 al 2010 e omessa dichiarazione dei redditi per gli anni 2010 e 2011, per i quali lo stesso è risultato un evasore totale.

Potrebbero interessarti anche