Corvi puniti, la Borsa sale e lo spread scende

Indici_borsa_sliderL’intero quantitativo dei Bot offerti (7,75 miliardi di euro) è stato sottoscritto. Salgono però i tassi all’1,28%

 

ROMA – Passata per il momento la grande paura: l’asta dei Bot è andata bene nonostante l’incertezza politica e le prospettive sempre incerte del futuro governo. L’intero quantitativo di titoli offerto (7,75 miliardi) è stato sottoscritto. Anzi la domanda è stata pari a 1,5 volte l’offerta. I tassi però sono saliti all’1,28% dal precedente 1,09%.

Gli effetti benefici dell’asta si sono fatti sentire subito a Piazza Affari dove l’indice Ftse Mib fino a quel momento vivacchiava sulla parità. Poi ha cominciato a salire e adesso, sia pure con un modesto 0,3%, supera Londra e Francoforte. Nel listino i titoli bancari in genere tirano il fiato, così come la Fiat, Saipem e Mediaset. Male invece Pirelli che perde l’1% per il giudizio negativo degli analisti sui conti 2012 e Tod’s che lascia sul campo addirittura il 2,28%.

Lo spread fra i nostri Btp decennali e i Bund tedeschi si mantiene stabile a quota 311, rispetto ai 312 della chiusura di ieri. Il rendimento è a 4,64%. Anche l’euro è in leggero rialzo rispetto al dollaro essendo scambiato a 1,30 dollari, contro i 1,29 dollari di ieri.

Potrebbero interessarti anche