Habemus Papam, Francesco

Papa-Francesco-sliderJorge Mario Bergoglio è stato eletto in Conclave al quinto scrutinio. Nato a Buenos Aires 76 anni fa è il primo Papa sudamericano e l’unico gesuita del Conclave. “I fratelli cardinali hanno scelto il vescovo di Roma dalla fine del mondo”

 

ROMA – La fumata bianca alle 19,06: in piazza San Pietro esplode la gioia dei fedeli, suonano a festa le campane della Basilica. Habemus Papam. E’ il cardinale Jorge Mario Bergoglio, che assume il nome di Francesco.

Argentino, di origine piemontese, eletto a sorpresa alla quinta votazione, gesuita, è l’arcivescovo di Buenos Aires. E’ il primo Pontefice latino-americano.

Le prime parole pronunciate in italiano, con accento spagnolo, sono state per il suo predecessore emerito Ratzinger, poi la benedizione ‘Urbi et Orbi’. “Il dovere del Conclave era dare un vescovo a Roma: sembra che i miei fratelli cardinali sono andati a prenderlo quasi alla fine del mondo”. Sono le prime parole pronunciate da Papa Francesco I, con un riferimento alla sua origine argentina.

“E adesso incominciamo questo cammino, vescovo e popolo, il cammino della chiesa di Roma che presiede nella carità tutte le chiese. Un cammino di fratellanza amore e fiducia tra noi. Preghiamo sempre per noi, l’uno per l’altro, preghiamo per tutto il mondo perché ci sia una grande fratellanza. Mi auguro che questo cammino di chiesa che oggi cominciamo sia fruttuoso per la evangelizzazione”. Così il nuovo papa Francesco dalla balconata di piazza San Pietro.

Potrebbero interessarti anche