Umberto Marroni – Pd

umberto-marroniPresenta il programma. Il cittadino al centro dell’amministrazione. Ridare orgoglio e prestigio a Roma

 

Il cittadino al centro dell’amministrazione, una nuova stagione di politiche pubbliche per la città, ridare orgoglio e prestigio a Roma. Questi i tre grandi temi del programma di Umberto Marroni, candidato alle primarie del centrosinistra per il sindaco di Roma, che oggi ha presentato la sua “nuova proposta di governo” nella sala convegni dell’Altra Economia.

“Unico obiettivo: Roma. Un programma di cose concrete”, che ha come metodo: idee-progetti-azioni, “da costruire insieme ai romani, condiviso, all’insegna della trasparenza, che tenga conto delle istanze provenienti dal territorio e dalle forze economiche e sociali, dell’associazionismo e del lavoro”.

“E’ necessario trasformare il Comune in una casa di vetro – ha spiegato Marroni – per bloccare definitivamente il degrado e i fenomeni diffusi di corruzione. Per questo bisogna sviluppare una nuova proposta di governo per rilanciare politiche per la solidarietà, sviluppo, lavoro, occupazione e servizi: un’idea che partendo da tre grandi temi sappia dimostrare che e’ possibile amministrare una grande metropoli parcellizzata e divisa guardando al futuro con speranza e fiducia”.

Cinque le emergenze di Roma secondo il capogruppo Pd in Campidoglio: sociale, sviluppo, mobilità, rifiuti, scandali. “Cinque anni di giunta Alemanno hanno portato tutte queste emergenze – ha detto Marroni – con tagli ai servizi di assistenza alle fasce disagiate, il blocco nella realizzazione delle opere pubbliche, i continui blocchi del trasporto pubblico, arrivando allo scarica barile continuo del sindaco Alemanno sulla questione rifiuti che ha determinato una fase di stallo e all’emergenza scandali con Parentopoli, Punti Verdi, affaire Filobus, caso Piccolo”.

Per “riformare l’amministrazione al  servizio del cittadino” secondo il candidato serve “un nuovo assetto e razionalizzazione delle aziende del Comune di Roma, riprendere e rivedere la riforma del decentramento amministrativo dei municipi, avviare la fase costituente della Città metropolitana”.

Passando poi alle politiche per la solidarietà attraverso progetti come “accesso universale alle politiche sociali, città sicura rafforzando dispositivi di sorveglianza passiva, la creazione di un’agenzia di volontariato e la sussidiarietà, diritti per gli animali con la ricostruzione dell’ufficio per i diritti degli animali”.

Secondo il candidato alle primarie “per portare Roma fuori dall’emergenza e’ necessario un programma di cose concrete. E’ necessario che al governo di Roma arrivi una classe dirigente rinnovata, onesta e capace di incidere in pochi giorni un cambiamento di rotta per rilanciare lo sviluppo e ridare speranza ai romani”. Per Marroni e’ un obiettivo raggiungibile “costruendo un welfare solidale vicino al cittadino pensando ai più deboli” attraverso: accesso universale alle politiche sociali, riduzione pressione tariffaria, trasformare la casa in diritto non in lusso, nessun bambino fuori dagli asili e dalle scuole.

“E’ un programma lungo – ha continuato Marroni – con tanti e tanti temi perché vogliamo tornare a fare politiche pubbliche partendo dal welfare e dalla mobilita con servizi pubblici al servizio dei cittadini, tutelando gli spazi verde e una mobilita verde”.

Tante le proposte all’interno del programma: trasformare Roma in una smart city, digitalizzazione dei servizi, tagli alle consulenze. “Dobbiamo voltare pagina rispetto alla lunga stagione di disimpegno del pubblico con una trasformazione urbana – ha concluso Marroni – per una città più facile e più bella: guidare i processi di trasformazione urbana secondo idee e progetti chiari significa governare l’espansione della città in funzione della qualità della vita dei cittadini”.

Potrebbero interessarti anche