Aurelio Regina sgomita per farsi spazio

Regina_Aurelio_sliderL’appuntamento del 4 aprile per la joint venture tra la Luiss ed Enlabs. A seguire la grande kermesse di Confindustria

 

ROMA – L’appuntamento è per giovedì prossimo alla Stazione Termini. Quel giorno sarà presentata, in grande spolvero, la joint venture tra la Luiss ed Enlabs – incubatore e acceleratore di startup – aperta agli studenti di tutto il mondo. L’incontro costituirà l’occasione per incontrare i protagonisti dell’innovazione e per uno scambio di vedute sul mondo dell’imprenditoria.

Vi parteciperanno attivamente esponenti delle istituzioni, dell’industria, della cultura e dell’informazione. Con il padrone di casa, Giorgio Squinzi, ad aprire i lavori, sono programma ti gli interventi di Emma Marcegaglia, Presidente della LUISS, Luigi Capello, Founder LUISSEnlabs, Massimo Angelini, Direttore Public Relations di Wind, e Fabio Battaggia, Amministratore Delegato di Grandi Stazioni (Gruppo FS).

Qualcuno, maliziosamente, ha fatto notare che non compare nel programma il nome del vice presidente di Confindustria, Aurelio Regina, che quando si tratta di cose romane non manca mai all’appuntamento. Pare che la sua presenza sia stata inserita solo nel calendario inviato alla stampa fra i presenti all’inaugurazione.

“I reiterati tentativi dell’esuberante Aurelio – fa notare oggi Affaritaliani – di porsi sempre di fronte al vecchio potere romano come il vero referente del verbo confindustriale sono finora tutti miseramente falliti, nonostante l’attivismo dei suoi due portavoce di fiducia in Confindustria, Giulia Avallone, e all’Unione degli industriali romani, Stefano Micalone”.

Il risultato delle ultime settimane per la verità è alquanto modesto, riducendosi ad un’improvvida intervista su Il Messaggero pubblicata appena prima dell’incontro di Squinzi al Quirinale, con lo scontato corollario di polemiche e accuse all’ufficio stampa di Confindustria, nonché poco più che una comparsata nel salotto di Bruno Vespa. Le uscite di Regina sul quotidiano di casa, Il Sole 24 Ore, non possono essere messe in conto alla visibilità esterna del vice presidente.

Si mormora tuttavia che la vera prova del fuoco sulle ambizioni nazionali di Aurelio Regina si avrà il 12 e il 13 aprile a Torino in occasione del grande convegno biennale della Confindustria, una sorta di stati generali degli imprenditori per fare il punto sulla drammatica crisi dell’industria e sulle ricette per uscirne.

L’ex presidente di Unindustria Roma potrebbe essere tentato di guadagnare la ribalta nazionale “anticipando ai media la posizione di Confindustria sulla crisi delle imprese”. A Viale dell’Astronomia però fanno sapere, sottovoce, che errare è umano, perseverare sarebbe diabolico.

Potrebbero interessarti anche