12:51 | Fiumicino, taxi-Ncc contro “granturismo”: servizio abusivo, distrugge mercato

E’ in corso dalle 10 di questa mattina presso i Terminal 1 e 3 dell’aeroporto di Fiumicino un volantinaggio organizzato dai sindacati taxi e Ncc di Roma e Fiumicino per protestare contro l’irregolarità dei bus granturismo presenti al Leonardo da Vinci.

“Sono servizi abusivi – spiega Leonardo Giammarino, presidente Federncc Confcommercio Roma – o non autorizzati che illegittimamente, come confermato dalla Sentenza del Consiglio di Stato n. 645/2012, svolgono una forma di servizio navetta shuttle dall’aeroporto a Roma ogni 30 minuti”.

I rappresentanti delle sigle sindacali Uritaxi, Cna Confartigianato, Uri, Claai, Assartigiani, Uti, Atitaxi, A.n.c. trasporto persone, Tpl noleggio Felsa Cisl, Federncc Confcommercio Roma e Confartigianato imprese Roma, hanno iniziato il volantinaggio presso il T1 area partenze per poi spostarsi nelle quattro aree di sosta dei bus shuttle, al T3.

“Svolgono un servizio illegittimo – prosegue Giammarino – perché la linea è diretta da Roma all’aeroporto e non turistica. Questo rappresenta una concorrenza sleale nei confronti di taxi, Ncc, ma anche delle linee del Cotral e del treno Leonardo Express. I bus shuttle trasportano 5.000 persone al giorno a quattro euro a biglietto. Godono inoltre di ampi spazi informativi. All’interno dell’aeroporto hanno manifesti pubblicitari fin dal recupero bagagli e desk dedicati. All’esterno c’è una palina informativa e quattro stalli dedicati. Hanno distrutto il mercato”.

“Paghiamo – dichiara Roberto Proietti presidente di Ctp consorzio trasporto persone – ad Adr 250 mila euro l’anno e il 13 per cento delle royalty. Le società di pullman invece pagano 100 mila euro l’anno e 7 per cento sul biglietto. Oggi taxi e Ncc hanno fatto fronte unito perché questo sistema sta danneggiando tutti. Aspetteremo i risultati della verifica del Prefetto sulla legittimità di queste linee ancora una settimana e se non avremo risposte organizzeremo uno sciopero. Le sigle sindacali presenti oggi tra taxi e Ncc rappresentano circa 6-7mila lavoratori”.

“Oggi abbiamo organizzato un sit in informativo – sottolinea Paolo Iacovone vice presidente Confartigianato taxi – perché contrari all’ abusivismo non ai servizi per l’ utenza. E’ però fondamentale il rispetto delle regole”.

Potrebbero interessarti anche