11:06 | Carburanti, nuovo crollo prezzi, Eni ‘taglia’ benzina e gpl

Prosegue il crollo dei prezzi internazionali dei prodotti petroliferi e sulla rete carburanti italiana comincia a muoversi qualcosa. Ieri in Mediterraneo la benzina e il diesel hanno perso, entrambi, qualcosa come 17 euro/mille litri. La “verde” in particolare nel giro di tre giorni ha ceduto circa 37 euro, precipitando a quota 565,5 euro (diesel a un soffio da 600).

Inevitabile, sottolinea Quotidiano Energia, a questo punto intervenire sui prezzi raccomandati e come di consueto il segnale arriva dall’Eni che ha “tagliato” la benzina di 1 cent euro/litro ed il Gpl di 3. A ruota TotalErg con – 0,6 cent sulla “verde” e – 0,5 sul diesel come pure sul Gpl mentre Esso ha ridotto i prezzi di 0,5 cent per tutti i prodotti.

Prezzi praticati sul territorio in calo, trainati soprattutto dalle no-logo che “sentono” di più e più rapidamente il trend dei mercati. Ricordato che le “punte” sono a 1,905 euro/litro per la benzina, 1,790 per il diesel e 0,863 per il Gpl, a loro volta le medie nazionali si posizionano a 1,865 euro/litro per la “verde”, 1,760 per il diesel e 0,831 per il Gpl.

La situazione più nel dettaglio (sempre in modalità “servito”), a livello Paese, secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per il Servizio Check-Up Prezzi QE, vede il prezzo medio praticato della benzina che va oggi dall’1,830 euro/litro di Eni all’1,865 di Tamoil (no-logo giù a 1,734).

Per il diesel si passa dall’1,734 euro/litro sempre di Eni all’1,760 ancora di Tamoil (no-logo a 1,617). Il gpl infine e’ tra 0,800 euro/litro di Eni e 0,831 di Tamoil (no-logo a 0,794).

Potrebbero interessarti anche