Torna sabato a Roma la ‘Notte dei Musei’

Romabynight

Mostre ed eventi gratuiti dai Musei Capitolini alla Centrale Montemartini al Bramante al Vittoriano

 

ROMA – Centinaia di appuntamenti in tutta Italia, dall’Abruzzo all’Emilia Romagna. Circa 257 luoghi della cultura free per una notte, quella fra sabato e domenica prossimi. E Roma a farla da padrona, con oltre 30 mostre, circa 200 eventi, 100 spazi espositivi e culturali aperti, tra musei civici, musei statali, spazi privati, biblioteche comunali e accademie. Torna la ‘Notte dei Musei’: dalle 20 alle 2 di notte, nella Capitale, e fino alle 24 nel resto del Paese, aprono le porte gratuitamente i luoghi di cultura.

Dai Musei Capitolini alla Centrale Montemartini, dal Chiostro del Bramante alla Complesso del Vittoriano, passando per la Galleria Borghese e la Galleria Nazionale d’Arte Moderna, la Città Eterna sarà attraversata da una serie di eventi che spaziano dalla musica al cinema, organizzati da Zetema Progetto Cultura. “Sarà una grande notte di approfondimento culturale – ha spiegato l’assessore alle Politiche Culturali e Centro storico di Roma, Dino Gasperini – in più di 100 spazi con oltre 200 appuntamenti e 30 mostre a disposizione dei cittadini. E’ un grande regalo che facciamo a Roma: è la nostra ‘notte della cultura’, la nostra risposta all’antica e generalista ‘Notte Bianca’”.

Alle 21.30, alle 23, e alle 24, l’Esedra del Marco Aurelio nei Musei Capitolini ospiterà un omaggio ai Beatles del jazzista Antonello Salis con il concerto pianoforte e fisarmonica ‘Sulla rotta Liverpool- Londra-Roma’. Di particolare interesse, alle 21, nel Cortile dell’Apollo Sosiano, è l’evento ‘Roncalli legge Roncalli’. Si tratta di un recital per voce e violoncello con cui i fratelli Guido e Diego Roncalli, discendenti della famiglia di Giovanni XXIII, celebreranno l’elezione del Papa con letture accompagnate da musiche di Bach.

Durante l’iniziativa romana, ha poi ricordato l’assessore capitolino, “grazie a fondi privati sarà illuminata per tutta la notte la facciata del teatro Argentina. In piazza del Campidoglio – ha aggiunto Gasperini – sarà proiettato ‘Il Marchese del Grillo’ per rendere omaggio ad Alberto Sordi nel decennale della sua morte”.

Sempre per restare al grande schermo, la Casa del Cinema parteciperà alla notte romana con la proiezione dei film ‘The Dreamers’ di Bernardo Bertolucci, alle 21.30 e ‘Dopo Mezzanotte’ di Davide Ferrario, che verrà presentato alle 24. Al Filmstudio di Trastevere, invece, sarà possibile vedere alle 20 ‘Poeti’, film di Toni D’Angelo sui poeti a Roma, alle 21.20 ‘Vicino al Colosseo… C’è Monti’, il documentario di Mario Monicelli dedicato al rione Monti, alle 21.50 ‘Roma’ di Federico Fellini, alle 24 ‘Vacanze Romane’ (Roman Holyday) di William Wyler.

Passando all’arte il Maxxi, aperto dalle 20 alle 2, proporrà al pubblico la possibilità di assistere alle 20 nell’Auditorium alla prima visione italiana di ‘Muster (Rushes)’ dell’artista Clemens Von Wedemeyer. A seguire ci sarà la conversazione dell’artista con Avery Gordon.

Alla ‘Notte dei Musei’, che si svolge in contemporanea in tutta Europa, parteciperà anche il Mibac, aprendo in tutta Italia, dalle 20 alle 24, le porte di musei ed aree archeologiche statali. “Il Ministero aderisce con entusiasmo all’iniziativa. Apriremo 257 siti culturali fino alla mezzanotte in tutto il territorio nazionale – ha sottolineato Anna Maria Buzzi, direttore generale per la Valorizzazione del Mibac – Per quanto riguarda l’apertura dei siti romani fino alle 2, Zetema si è resa disponibile ad onorare il compenso aggiuntivo, oltre le 24, ai custodi. Nei prossimi giorni questa disponibilità dovrebbe essere sottoposta al vaglio dei sindacati”. Alla presentazione da registrare anche la protesta di alcuni attivisti di Rifondazione Comunista, contro la presenza di sponsor come Finmeccanica.

“L’edizione di quest’anno della ‘Notte dei musei’, manifestazione che apprezziamo e contro cui non abbiamo nulla – si legge in un comunicato distribuito durante il loro intervento – è stata realizzata accettando sponsorizzazioni non conformi al ‘Regolamento comunale per la disciplina e la gestione delle sponsorizzazioni’, approvato con deliberazione 214/04 del Consiglio comunale di Roma”. La risposta dell’assessore Gasperini non si è fatta attendere: “Verificheremo con attenzione la fondatezza delle affermazioni degli attivisti di Rifondazione Comunista”.

Potrebbero interessarti anche