Scommesse, aggiudicate 2000 nuove agenzie

sala_scommesseAssegnati dai Monopoli i nuovi punti gioco. A Snai 278 punti, 270 per Lottomatica, Sisal 225. Allo Stato circa 70 milioni

 

 

ROMA – I Monopoli di Stato hanno pubblicato le aggiudicazioni definitive dei 2.000 nuovi punti previsti dal bando scommesse. Dal momento della pubblicazione decorreranno i 30 giorni lavorativi entro i quali gli operatori dovranno produrre la documentazione definitiva in vista della firma della convenzione.

Tra i ‘big player’ del settore, Snai si è aggiudicata 278 punti, sono 270 le concessioni che vanno a Lottomatica, mentre Sisal ha ottenuto 225 agenzie.

Tra gli obblighi da ottemperare, anche la presentazione della fideiussione a garanzia dell’attività di ciascuna agenzia e della ricevuta di pagamento dei diritti. I Monopoli hanno già pubblicato un elenco provvisorio con le aggiudicazioni dei nuovi punti. Grazie ai “rialzi” degli aspiranti bookmaker, invece dei 22 milioni previsti dalla relazione tecnica del Governo, dovrebbero arrivare nelle casse dello Stato circa 70 milioni di euro.

L’onere finanziario per i futuri concessionari non finisce qui: per ogni nuovo punto scommesse, la cui gestione durerà fino al 30 giugno 2016, le società dovranno presentare all’Agenzia delle Dogane garanzie per 70 mila euro, da adeguare poi annualmente sulla base dei volumi di gioco.

I grandi operatori sono pronti ad allargare ulteriormente il proprio network, i piccoli e medi imprenditori del settore confermano la propria rete di agenzie storiche e lo Stato incasserà circa 50 milioni in più del previsto: sono alcuni degli effetti del bando per 2000 nuovi punti gioco.

Oggi i Monopoli hanno pubblicato le assegnazioni definitive – solo alcune sono ancora in ‘forse’ per i ricorsi amministrativi ancora pendenti – e grazie ai “rialzi” degli aspiranti bookmaker, invece dei 22 milioni previsti dalla relazione tecnica del Governo, dovrebbero arrivare nelle casse dello Stato circa 70 milioni di euro.

Tra i grandi operatori Eurobet ha fatto un en plein: ha presentato offerte per 500 punti e se le è aggiudicate tutte, pagando complessivamente poco meno di 20 milioni di euro. Tra gli altri grandi ’buyer’, Snai dovrebbe versare allo Stato circa 14 milioni di euro, aggiudicandosi 278 punti (in gran parte da ricollocare sulle agenzie ’storiche’), mentre per Lottomatica sono pronte 270 nuove concessioni, pagate però poco meno di 9 milioni di euro. Per Sisal le offerte vincenti sono 225, che costeranno complessivamente un po’ più di 6,5 milioni di euro.

Nella lista dello ‘shopping’ pubblicata dai Monopoli, riferisce Agipronews, sono presenti alcuni altri operatori storici del gaming italiano con una forte presenza nel settore slot e che adesso acquistano maggiore radicamento anche nel betting: Gamenet prende 81 nuovi punti, Cogetech se ne aggiudica 72, mentre per Hbg sono pronte 39 nuove licenze. Acquisti sostanziosi anche per King Bet (64 punti) e Galassia Game (59 agenzie).

Nessuna concessione per il bookmaker austriaco Goldbet (100 punti chiesti, ma tutti con offerte di 11.300 euro, di poco superiori alla base d’asta), mentre Sks365 ha puntato su un unico diritto e se lo è aggiudicato, pagandolo 75 mila euro.

L’onere finanziario per i futuri concessionari non finisce qui: per ogni nuovo punto scommesse, la cui gestione durerà fino al 30 giugno 2016, le società dovranno presentare all’Agenzia delle Dogane garanzie per 70 mila euro, da adeguare poi annualmente sulla base dei volumi di gioco.

Potrebbero interessarti anche