Debiti Pa, Lazio prima regione a firmare con il Mef

regione-lazio-sliderSottoscritto il contratto per 924,5 milioni da destinare al pagamento dei debiti diversi da quelli del settore sanitario

ROMA – Martedì mattina il Lazio è stata la prima tra le Regioni italiane a sottoscrivere il contratto con il ministero dell’Economia e delle Finanze, dipartimento del Tesoro, per ottenere 924,5 milioni di euro a titolo di prima tranche delle anticipazioni di liquidità da destinare al pagamento dei debiti diversi da quelli del settore sanitario.

Il contratto è stato sottoscritto dal direttore della direzione Programmazione economica, Bilancio, Demanio e Patrimonio, Marco Marafini, in presenza di Alessandra Sartore, assessore al Bilancio, Demanio e Patrimonio della Regione Lazio.

Le somme saranno accreditate alla Regione presumibilmente entro la fine del mese di giugno, e da tale data l’Amministrazione dovrà provvedere al pagamento di fornitori ed enti territoriali entro i successivi 30 giorni. L’anticipazione sarà finalizzata a saldare i crediti certi, liquidi ed esigibili al 31 dicembre 2012, secondo un piano dei pagamenti che dà priorità ai debiti più anziani e riguarda, per almeno due terzi, residui passivi, anche perenti, nei confronti di enti locali.

Dalle prossime settimane sarà messa a disposizione dei creditori della Regione Lazio una piattaforma informatica attraverso la quale gli interessati potranno informarsi direttamente sulla propria posizione, sapere se e in che misura avranno diritto alla liquidazione dei propri crediti, e potranno avere notizie dettagliate sui tempi dei pagamenti, che lo stesso decreto prevede espressamente siano “tempestivi”.

“Grazie a queste risorse – afferma Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio – siamo in grado di trasmettere una boccata d’ossigeno al sistema produttivo dei nostri territori, generando un circuito virtuoso che non coinvolgerà soltanto i beneficiari diretti: ogni azienda che vedrà riconoscersi i propri crediti, infatti, potrà grazie a questi a sua volta pagare i propri fornitori e programmare investimenti per il futuro”.

“Con ogni probabilità – afferma l’assessore Sartore – nel biennio 2013-2014 il Lazio riceverà complessivamente anticipazioni di liquidità per 5,2 miliardi di euro. Una cifra che può rivelarsi decisiva per dare un’iniezione di fiducia alla nostra economia”.

Con le anticipazioni del decreto legge 35 viene immessa nel tessuto economico e produttivo nazionale un’iniezione di liquidità pari al 2,5% del Pil nazionale. Le risorse liquide immesse nel sistema economico dalla Regione Lazio grazie a questa operazione rappresentano il 3% del Pil regionale. Tenendo conto dell’effetto del provvedimento sul Pil stimato a livello nazionale dal Def, questa iniezione di liquidità dovrebbe determinare un incremento del Pil regionale pari all’1,1%. Secondo le più favorevoli stime di tale provvedimento formulate dal Centro studi di Confindustria, tale iniezione di liquidità potrebbe determinare un incremento del Pil regionale dell’1,5%.

Potrebbero interessarti anche