11:51 | Spinse imprenditore a tentare suicidio per debiti, arrestato usuraio

Aveva tentato il suicidio, a Roma lo scorso mese di gennaio stretto nella morsa dei debiti contratti con un usuraio, la Polizia lo aveva salvato e da qui l’imprenditore vittima dell’usura aveva deciso di denunciare il suo aguzzino che oggi, dopo 4 mesi. di indagini e’ finito in carcere. Si tratta di D.F. di 55 anni.

L’imprenditore, a causa della crisi della sua piccola azienda, era stato costretto a contrarre due debiti, del valore di 5 mila euro ciascuno. A fronte dei prestiti ricevuti, avrebbe dovuto versare mille euro al mese, solo a titolo di interesse, poiché i prestiti, dati sulla parola e senza scambio di titoli, non avevano una scadenza temporale. I debiti si sarebbero poi estinti solo quando la somma finale, per un totale di 10 mila euro in contanti, sarebbe stata interamente restituita.

Il quadro descritto faceva emergere che l’usuraio, a fronte del prestito erogato, aveva già incassato 13 mila euro, che erano da considerarsi solo a titolo di interesse sul capitale, continuando a pretenderne altri ventiquattromila, da versare in rate mensili di mille euro, al termine del quale il debito si poteva definire saldato.

Nel corso della perquisizione all’interno dell’abitazione di D.F. sono stati sequestrati anche assegni e documenti contabili, materiale giudicato interessante e che ora e’ al vaglio degli investigatori.

Potrebbero interessarti anche