11:48 | Farmaco per bambini contraffatto: arrestati tre manager casa farmaceutica

Farmaco per bambini contraffatto: i Carabinieri del Nas di Latina hanno dato esecuzione a tre ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emesse dal Gip del Tribunale di Frosinone, Annalisa Marzano, a carico di altrettanti dirigenti di una casa farmaceutica, la Geymonat.

Gli arrestati – secondo le indagini condotte in strettissima sinergia con Aifa e Iss – avrebbero prodotto e commercializzato su scala nazionale il farmaco “ozopulmin” (per la cura delle affezioni respiratorie) “deliberatamente contraffatto e pericoloso per la salute anche di lattanti e bambini”, sottolineano i carabinieri.

Secondo le indagini infatti, i tre arrestati sono accusati di aver inserito nel farmaco contraffatto, al posto del principio attivo, una sostanza “simile” (normalmente usata per cosmetici ed integratori alimentari), farmaceuticamente inefficace, ma in grado di simularne analiticamente la presenza. Il tutto “a discapito della salute dei pazienti, inconsapevoli assuntori di un farmaco completamente inidoneo allo scopo terapeutico”, come giudicato Iss a seguito di specifiche indagini analitiche eseguite sui campioni sequestrati.

In particolare, dalle indagini condotte dall’Aifa e dal Nas, su delega della Procura della Repubblica di Frosinone, sostituto Procuratore Adolfo Coletta, è emerso – sottolineano i militari – che “gli indagati, rimasti privi del benché minimo quantitativo di principio attivo a seguito di un disaccordo commerciale con la ditta fornitrice, per assicurare la continuità del prodotto nelle farmacie e non perdere la fetta di mercato ad opera di farmaci concorrenti, decidevano di avviare comunque la produzione dei lotti del farmaco incriminato, nella piena consapevolezza di esporre a rischi per la salute un considerevole numero di persone e di bambini, ponendo in commercio un farmaco contraffatto e inidoneo al suo scopo terapeutico, che avrebbe potuto cagionare un aggravamento delle affezioni respiratorie”.

I tre arrestati, “pianificando minuziosamente la strategia per la preordinata contraffazione”, dapprima si procuravano il “sostituto” del principio attivo dalla Francia e successivamente eseguivano sul prodotto finito le analisi obbligatorie ricorrendo ad un metodo diverso da quello riconosciuto, in modo di assicurare la falsa positività. Quindi, “ottenuti gli auspicati risultati analitici favorevoli, liberavano regolarmente i farmaci sul mercato ed alteravano in ultimo i rendiconti di produzione e i dati informatici delle materie prime per occultare la presenza nei farmaci del sostituto e far risultare fittizziamente quella del principio attivo”.

Il farmaco – con scadenza marzo 2016 – è stato immediatamente ritirato dal commercio con provvedimento amministrativo dell’Aifa e non è più presente nelle farmacie sin dalle prime battute dell’indagine.

Potrebbero interessarti anche