12:42 | Cinema, dalla Regione arriva bando 3mln per digitalizzazione sale

Dal 1° luglio il mondo del cinema italiano e le sale italiane in particolare entrerà nell’era del 2.0, quella del digitale. Scomparirà la pellicola e quelle sale raccontate da Tornatore in “Nuovo Cinema Paradiso” si dovranno adeguare al nuovo sistema. Molte sale, le più grandi, si sono adeguate per tempo, ma tante, le piccole e medie imprese, avrebbero rischiato la chiusura, con la conseguente emergenza lavorativa, se la Regione Lazio, grazie al lavoro che sta portando avanti sul recupero dei fondi europei che rischiavano di tornare a Bruxelles non si fosse messa in moto.

E’ stato presentato, così, questa mattina nella sede della Giunta il bando regionale rivolto alle Pmi di questo settore che prevede lo stanziamento di 3 milioni di euro con contributo a fondo perduto pari al 70% e un limite massimo di 200 mila euro più un ulteriore stanziamento di 400mila euro destinato ad associazioni senza scopo di lucro e sale cinematografiche della comunità attraverso il Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo 2011.

“Non c’è cosa miglior per chi amministra poter dire che ha rispettato gli impegni presi, che a volte per problemi economici o per le tante promesse fatte non si riescono a soddisfare. Questa volta siamo riusciti a rispondere a un impegno elettorale e a una esigenza politica del territorio”, ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

“Si salveranno decine di sale cinematografiche e con questo contributo diamo una mano affinché il cinema non chiuda ma anzi si rinnova. Tre sono i punti in particolare – ha spiegato il governatore del Lazio – : il primo l’uso intelligente dei fondi europei. Noi in 90 giorni abbiamo recuperato 220 milioni che stavano andando in disimpegno che erano incagliati e arenati. Il secondo punto ha un risvolto fondamentale per il rilancio della cultura, con la salvaguardia di un patrimonio culturale fondamentale. Terzo punto il fatto che per rilanciare bisogna innovare e investire e credo debba essere questo il modo di lavorare per indirizzare le risorse, con concretezza e rapidità”.

Nel Lazio, secondo l’Anec, presente con il presidente della sezione Lazio, Giorgio Ferrero, appartenente alla Confcommercio Roma, sono operativi 123 cinema, per un totale di 437 schermi (245 digitalizzati). A Roma sono 82 i cinema, 333 schermi attivi (208 digitalizzati); a Frosinone operano 8 cinema con 24 schermi; a Latina 14 cinema, con 46 schermi; a Viterbo 18 cinema, 29 cinema, mentre a Rieti c’ e’ un solo cinema con 5 schermi tutti digitalizzati.

Potrebbero interessarti anche