Habemus la Giunta di Ignazio Marino

Campidoglio_sliderIl neo sindaco presenta la sua squadra. 12 assessori di cui sei tecnici e sei politici. Luigi Nieri vicesindaco

 

 

ROMA – Il neo Sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha presentato oggi pomeriggio in Campidoglio la sua squadra al completo. Nella composizione della giunta comunale, “abbiamo mantenuto l’impegno ad avere una squadra di 12 assessori che rispettasse la parità di genere: il 50 per cento della squadra è composto da donne. La nuova giunta comunale è una squadra giovane che esprime discontinuità rispetto al passato con figure contraddistinte da un curriculum importante rispetto all’ assessorato che gli è stato affidato”. Così, il sindaco Ignazio Marino, nel corso della cerimonia di insediamento della nuova Giunta comunale

Questa la formazione. Sei sono i politici, provenienti dal Pd e da Sel e sei tecnici. Luigi Nieri sarà il vicesindaco, con delega al patrimonio; Estella Marino, assessore all’ambiente, rifiuti e agroalimentare; Daniele Ozzimo, casa, lavoro ed emergenza abitativa; Paolo Masini, periferie e lavori pubblici; Marta Leonori, Roma produttiva; Luca Pancalli, qualità della vita, sport e benessere; al bilancio, ultimo assessorato deciso, c’è Daniela Morgante, che prende anche la razionalizzazione della spesa; Flavia Barca, sorella dell’ex ministro, alla cultura, creatività e promozione artistica; Alessandra Cattoi, fedelissima del sindaco, scuola, infanzia, giovani e pari opportunità; Guido Improta, alla trasporti e mobilità; Rita Cutini, al sostegno sociale e sussidiarietà; Giovanni Caudo, alla trasformazione urbana.

“Domani pomeriggio, alle 14.30 avremo la prima convocazione della nuova Giunta di Roma Capitale”. Lo ha detto il sindaco Marino al termine della presentazione del nuovo esecutivo capitolino.

Con la promozione in giunta di quattro consiglieri eletti, cambia anche la fisionomia dell’assemblea capitolina. La variazioni riguardano i gruppi di Pd e Sel. La nomina nell’esecutivo di Estella Marino, Paolo Masini e Daniele Ozzimo, lascia spazio sugli scranni dell’ aula Giulio Cesare ai primi tre dei non eletti del Partito Democratico che esprime in totale 19 consiglieri: entrano Maurizio Policastro (area popolari), Ilaria Piccolo (vicina all’ ex capogruppo in Campidoglio Marroni) e Marco Palumbo (vicino a Zingaretti). Liliana Mannocchi (area Letta) resta fuori dall’assemblea per un pugno di voti, 15: lei ne ha infatti ufficialmente 3.111, Palumbo 3.126.

In casa Sel (che ha eletto 4 consiglieri), con Nieri vicesindaco, si fa innanzitutto certo l’ingresso in assemblea di Imma Battaglia: la presidente di Di’ Gay Project era stata infatti proclamata eletta quarto consigliere di Sel in virtù dell’ esclusione di Andrea Alzetta per incandidabilità. A questo punto anche se il ricorso annunciato da “Tarzan” dovesse andare a buon fine, lo scranno della Battaglia non sarebbe più a rischio.

Da lunedì 1° luglio, comunque, al fianco di Gemma Azuni, Gianluca Peciola e la stessa Battaglia, siederà in aula Annamaria Proietti Cesaretti che prenderà il posto di Nieri. E’ lei infatti la prima dei non eletti della lista con 1.056 preferenze contro le 1.013 di Susanna Marietti.

Potrebbero interessarti anche