Rai3, è guerra sull’approfondimento calcistico

Polito-Antonio-sliderPer la nuova trasmissione del lunedì sera, “Maracanà”, ingaggiato l’editorialista del Corsera Antonio Polito

 

ROMA – E’ scoppiata la rivolta nel pool dei giornalisti sportivi Rai dopo aver appreso che la nuova trasmissione di approfondimento calcistico ”Maracanà”, prevista nel nuovo palinsesto in seconda serata il lunedì su Rai 3, era stata affidata ad un giornalista esterno.

Gli autori infatti, come ricorda il collega Santaniello, l’avevano concepita come un ‘bar dello sport’ intelligente, con ospiti di un certo spessore culturale che, certo, non dovrebbero stare lì a commentare il primo rigore negato, o il gol fantasma non assegnato. D’altronde volare un po’ più alto sul nostro campionato è sempre stata una delle imprese di comunicazione più difficili.

Quando poi il nuovo “gioiellino” televisivo ideato e costruito dai giornalisti di Rai3 viene assegnato all’ultimo momento ad Antonio Polito, l’editorialista smart del Corriere della Sera, la redazione del servizio pubblico insorge. Era più che naturale che, dopo essere riuscita a recuperare lo storico spazio “colpevolmente abbandonato dai tempi del Processo del Lunedì”, la redazione si aspettasse di poter anche gestire la trasmissione.

Alla presentazione dei nuovi palinsesti è venuta invece fuori la notizia dello “scippo” perpetrato dalla direzione generale con l’assenso della rete. Si dichiara “stupita” Rai Sport, alla cui guida è appena subentrato Mauro Mazza, e reagisce furiosamente con un comunicato del Cdr che denuncia il fatto e minaccia la mobilitazione sindacale.

“L’azienda da una parte esibisce tagli e risparmi, alcuni molto dolorosi – si legge nel comunicato del sindacato di RaiSport – Dall’altra, affida prodotti giornalistici a strutture e collaboratori esterni. Ma non ci era stato detto che i giornalisti sono in sovrannumero? Avevamo capito male? Proprio nei giorni di insediamento del nuovo direttore di RaiSport, arriva un segnale decisamente poco incoraggiante e contraddittorio. Ricordiamo che Mauro Mazza e’ stato anche direttore della prestigiosa Rai 1 e dunque avrebbe saputo ben gestire un programma come quello in questione. Questo è un ulteriore schiaffo alla titolarità di RaiSport, alla stagione dei risparmi, all’ottimizzazione di uomini e mezzi”.

A prescindere ovviamente dalla figura di Polito, il comitato di redazione giura che la cosa non finirà qui. Nel sottolineare di aver già raccolto in merito “la preoccupazione e l’indignazione di numerosi colleghi”, i giornalisti annunciano che “studieranno in sintonia con l’esecutivo Usigrai ogni azione per la tutela delle professionalità della testata”.

Potrebbero interessarti anche