11:18 | Maxi truffa a compagnie assicurative, 52 denunciati

Beni sequestrati per circa 2 milioni di euro e 52 persone denunciate, 9 delle quali per il reato di truffa. E’ il bilancio dell’indagine di oltre un anno che ha condotto la Guardia di finanza a sgominare un’organizzazione criminale dedita alle truffe ai danni delle compagnie assicurative.

Il gruppo aveva il suo ”quartier generale” presso gli uffici di una nota officina per la riparazione di autoveicoli e riusciva ad ottenere illecite liquidazioni di danni, derivanti da denunce di incidenti stradali mai accaduti: alcuni gregari dell’organizzazione individuavano i veicoli da coinvolgere nei sinistri e provvedevano alla sostituzione delle parti integre con altre danneggiate. A riparazioni ultimate, i rilievi fotografici venivano sottoposti ai periti assicurativi, mentre gli indennizzi delle compagnie assicurative venivano incassati direttamente dal titolare della carrozzeria, anche se intestati a terzi soggetti, grazie alla preziosa collaborazione del dipendente di una banca, anche lui componente del gruppo.

Nel corso delle perquisizioni sono state sequestrate migliaia di parti di carrozzeria, da utilizzare all’occorrenza per la simulazione dei sinistri, nonché acquisiti numerosi documenti, moduli C.i.d., compilati in ogni loro parte, pronti per essere utilizzati per futuri sinistri. La compagnia di Nettuno della Gdf ha eseguito un provvedimento di sequestro di beni, disposto dal tribunale di Roma, ai danni del patrimonio di colui che viene considerato il ”dominus” del sodalizio, comprendente beni immobili, autovetture, quote societarie e conti correnti.

Nel dettaglio sono stati sequestrati due terreni agricoli a Nettuno, diversi fabbricati e appartamenti; diversi autoveicoli, numerose quote societarie, un conto corrente bancario. I beni sono ora a disposizione di un amministratore giudiziario, nominato dal tribunale di Roma, che si occuperà di gestirli secondo le direttive dell’autorità giudiziaria.

Potrebbero interessarti anche