09:55 | Carburanti, dopo richiamo Zanonato aumentano solo Tamoil e Esso

Dopo il ”richiamo” del ministro Zanonato agli operatori per contenere il carocarburanti nella stagione estiva, si registrano soltanto due decisioni al rialzo sui prezzi raccomandati: Tamoil con + 0,7 cent euro/litro sulla benzina e + 1 cent sul diesel e Esso con + 0,5 cent su entrambi i prodotti. Le quotazioni internazionali sono tornate di nuovo stabili.

I prezzi praticati sul territorio naturalmente sono ancora in leggero aumento per tutti (no-logo comprese) per effetto delle decisioni più recenti a livello di prezzi raccomandati. Medie nazionali della benzina e del diesel rispettivamente a 1,838 e 1,741 euro/litro (Gpl a 0,792). Le ”punte” in alcune aree del Paese sono, per la ”verde” fino a 1,877 euro/litro, mentre il diesel sale a 1,761 e il Gpl resta stabile a 0,824.

La situazione più nel dettaglio a livello Paese (sempre in modalità ”servito”), secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per il Servizio Check-Up Prezzi QE, vede il prezzo medio praticato della benzina che va oggi dall’1,819 euro/litro di Eni all’1,838 di Tamoil (no-logo a 1,721).

Per il diesel si passa dall’1,721 euro/litro sempre di Eni all’1,741 di Tamoil (no-logo a 1,603). Il gpl infine e’ tra 0,776 euro/litro di Shell e 0,792 ancora di Tamoil (no-logo a 0,738). Situazione assai differente però se dal monitoraggio sul ”servito” passiamo ad esaminare, come facciamo ogni martedì, il mercato Self. Check-Up Prezzi Self mostra che, malgrado una tendenza all’aumento nelle medie e nelle punte, in alcune aree con nuove aperture e quindi prezzi particolarmente competitivi, anche la concorrenza tradizionale e le no-logo sono state costrette a reagire. Da segnalare peraltro la ”forchetta” di prezzo tra le stesse petrolifere, compresa tra 1,741 e 1,771 euro/litro sulla benzina e 1,629 e 1,659 sul diesel.

Potrebbero interessarti anche