Antimafia, Roberti nuovo procuratore nazionale

Franco_RobertiIl capo della Procura di Salerno è stato eletto dal Cms con 20 voti a favore. Ha prevalso su Roberto Alfonso

 

ROMA – Franco Roberti è il nuovo procuratore nazionale antimafia. Lo ha nominato il plenum del Consiglio superiore della magistratura con 20 voti a favore.

Roberti, procuratore capo a Salerno, ha prevalso al ballottaggio sull’altro candidato, il capo della Procura di Bologna Roberto Alfonso. A favore di Roberti hanno votato il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, il primo presidente e il procuratore generale della Corte di Cassazione, Giorgio Santacroce e Gianfranco Ciani, tutti i consiglieri togati di Area e di Unicost, gli indipendenti Aniello Natti e Paolo Corder, i laici di centrosinistra, il togato di Magistratura indipendente Alessandro Pepe e il laico del Pdl Bartolomeo Romano.

Sei voti sono andati invece a Roberto Alfonso: quelli dei quattro laici di centrodestra Albertoni, Marini, Palumbo e Zanon, e di due togati di MI, Racanelli e Virga. Al termine della votazione, il vicepresidente Vietti ha espresso al nuovo procuratore antimafia, gli auguri di buon lavoro.

La poltrona di procuratore nazionale antimafia era vacante dal 6 gennaio, quando Piero Grasso, attuale presidente del Senato, si era dimesso per candidarsi alle elezioni politiche. La nomina del suo successore è stata travagliata, tant’è che il 15 luglio la commissione per gli incarichi direttivi non è riuscita a trovare un accordo e ha rimesso, di fatto, la scelta al plenum.

In magistratura dal 1975, Roberti è considerato uno dei massimi esperti del clan dei Casalesi. Ha esordito nel ’76 come pretore a Borgo San Lorenzo e nel ’79 è passato alla funzione di giudice a Sant’Angelo dei Lombardi. Dal 1982 è sempre stato magistrato requirente: prima pm a Napoli, poi (dal 1993) alla Direzione nazionale antimafia, che ora andrà a dirigere. Nel 2001 il ritorno a Napoli come procuratore aggiunto: dopo aver seguito le indagini su calciopoli e sugli appalti dell’imprenditore Romeo, Roberti nel 2009 è diventato procuratore di Salerno.

“Desidero formulare le mie più sentite congratulazioni al nuovo procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, e fargli i migliori auguri di buon lavoro – ha dichiarato in una nota Sonia Alfano, presidente della Commissione Antimafia europea. “Conosco il suo valore professionale e lo spessore umano: ho avuto l’opportunità di ospitarlo al Parlamento Europeo e il privilegio della sua personale collaborazione alla stesura del rapporto sulle mafie in Europa. Sono entusiasta per questa prestigiosa nomina, davvero meritata, e sono certa che Franco Roberti farà come sempre, grazie anche alla sua esperienza, un ottimo lavoro”.

Potrebbero interessarti anche