In Comune si scaldano i muscoli

Aula_Giulio_Cesare_sliderIl presidente dell’Assemblea pronto ad affrontare la manovra finanziaria e quella urbanistica

 

ROMA – Appena il governo avrà dato il via libera al trasferimento del deficit 2013 sulla gestione commissariale la fase dell’emergenza contabile potrà dirsi conclusa. Si tratta infatti di una decisione che permetterà di riprogrammare servizi e investimenti che riguardano oltre la gestione corrente anche la possibilità di riprogettare concretamente il futuro della città. Un sostegno fondamentale dunque per la capitale e per i cittadini romani che potranno continuare così a fare affidamento sulle attività e le prestazioni dell’amministrazione comunale.

“L’Assemblea Capitolina – afferma il suo presidente Mirko Coratti – è pronta e decisa a fare la sua parte. La manovra finanziaria e quella urbanistica dovranno trovare la necessaria sintesi nell’aula Giulio Cesare. Sapremo farci carico dell’onere che ci compete procedendo nei tempi prefissati all’approvazione del bilancio di previsione che purtroppo arriva quasi alla fine dell’anno contabile ovvero quando tutti i soldi sono già stati spesi”.

Per questo motivo il presidente Coratti fa appello al senso di responsabilità di tutti i gruppi consiliari e di ogni singolo consigliere comunale, dal momento che sul futuro della città nessuno potrà permettersi di tergiversare ne dai banchi dell’opposizione ne tanto meno da quelli della maggioranza.

“Sono convinto che ciascuno per la propria parte saprà mostrare ai nostri concittadini di avere a cuore il futuro della capitale e dei romani. Lo sfascio non è utile a nessuno e sullo sfascio non si costruiscono le fortune politiche ne dei partiti ne dei singoli esponenti.”

Potrebbero interessarti anche