La Borsa in surplace per le notizie sul governo

Indici_borsa_sliderPiazza Affari guadagna lo 0,12%. Lo spread continua a scendere e tocca quota 195

 

ROMA – Matteo Renzi ha ricevuto dal Presidente della Repubblica l’incarico di formare il nuovo governo. Secondo la prassi, il presidente designato ha accettato con riserva e si appresta ad iniziare immediatamente le consultazioni con i partiti. Se tutto va liscio, entro la settimana il nuovo esecutivo sarebbe pronto a presentarsi in Parlamento.

Come hanno accolto la notizia (scontata) i mercati finanziari? Dopo un avvio incerto, che qualcuno aveva attribuito alle prima difficoltà incontrate da Renzi nei contatti informali con gli alleati, Piazza Affari  riguadagna il segno più e mentre scriviamo viaggia intorno al +0,12%, più o meno sullo stesso livello delle altre Borse europee. Oggi Wall Street è chiusa per il Presidents’ Day.

Tra i singoli titoli subito in evidenza Mediaset seguita da Mediobanca e Luxottica Group, che tira un respiro di sollievo dopo che l’ad Andrea Guerra ha declinato l’offerta di entrare nel nuovo governo. Balza anche Mediolanum dopo il buy (con target price a 8 euro) di Deutsche Bank. In coda al listino di Milano, invece, Tod’s. La Fiat sale dopo l’integrazione ai dati di bilancio fornita a Consob dopo il taglio del rating di Moody’s (avvenuto martedì scorso) da cui non sono tuttavia emerse novità di rilievo.

Continua intanto a scendere lo spread Btp/Bund che segna 195 punti contro i 200 della chiusura di venerdì, con il rendimento del decennale italiano che tocca i nuovi minimi da febbraio del 2006 scivolando al 3,64%. Il differenziale beneficia del miglioramento dell’outlook sul rating sovrano da parte di Moody’s, giunto venerdì.
L’euro è in rialzo rispetto al dollaro che cede terreno anche nei confronti delle principali valute. La moneta unica segna infatti una crescita dello 0,1% a 1,3708 sul dollaro mentre resta stabile a 139,2 sullo yen. La divisa Usa cede lo 0,2% a 1,6788 sulla sterlina e dello 0,2% a 101,5 rispetto allo yen.

Potrebbero interessarti anche