Dl Salva Roma, arriva il secondo ritiro

Maria_Elena_Boschi_sliderEra già successo con Letta. Nuovo governo prende atto ostruzionismo e ‘molla’

 

ROMA – Il Governo rinuncia al decreto Salva Roma ma il ministro per i Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi ha già assicurato che il governo varerà “un nuovo provvedimento dopo una valutazione dei contenuti”.

Il sindaco Ignazio Marino, al telefono con esponenti del governo ha avvertito che “non si può amministrare Roma in dodicesimi”, riferendosi all’ “economia di guerra” cui sono costretti i comuni fino a quando non approvano il bilancio. E ciò comporta naturalmente tagli ai servizi e blocco degli investimenti. A breve Marino avrà un incontro con il governo a Palazzo Chigi per lavorare insieme ad un nuovo. Tuttavia aggiunge: “Non sto minacciando dimissioni ma voglio sapere qual è la mia job description. Non sono pronto per la job description di commissario liquidatore”.

E’ il secondo ritiro per il decreto che contiene tra l’altro le provvidenze sulla Capitale. Anche il nuovo governo ‘molla’ il provvedimento così come già aveva fatto il governo Letta prima di Natale. “Il Governo – ha spiegato Boschi – durante la conferenza dei capigruppo, ha confermato la volontà di approvare entro i termini previsti il decreto che abbiamo all’esame alla luce di molte disposizioni di primaria importanza che vi sono contenute, come le previsioni per il Comune di Roma, quelle per il finanziamento a Expo e le previsioni che vanno a salvaguardare la regione Sardegna dopo le alluvioni di novembre. A fronte della rilevanza di questi provvedimenti il Governo ha chiesto un’assunzione di responsabilità e il ritiro degli emendamenti. Di fronte alla indisponibilità di Lega e M5S e alla conferma da parte loro di proseguire con l’ostruzionismo in aula, era matematicamente impossibile l’approvazione entro la scadenza”.

“Vittoria della Lega! Il Governo ritira il decreto Salva-Roma e gli italiani risparmiano 1 miliardo di euro, che sarebbe finito a tappare il buco della Città più indebitata del mondo. Chi sbaglia paga, politici romani a casa! Lega, unica Opposizione”. Così Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord, commenta su Facebook il ritiro del decreto Salva Roma da parte del governo.

Potrebbero interessarti anche