Roma ricorda il 70° anniversario della liberazione

Liberazione_romaUn fitto programmi di eventi, a cominciare dalla mostra del Vittoriano “19 luglio 1943 – 4 giugno 1944. Roma verso la libertà”

 

 

ROMA – Roma celebra i settanta anni dalla Liberazione con cinque giorni di eventi a ingresso gratuito. Concerti, mostre, proiezioni, spettacoli teatrali, letture e dibattiti dal 4 all’8 giugno coinvolgeranno la città, dal centro alle periferie, con iniziative nate per ricordare i nove mesi dell’occupazione nazifascista e la storica data del 4 giugno 1944, giorno della liberazione di Roma da parte degli Alleati.

Tra le manifestazioni, la mostra al Complesso del Vittoriano, “19 luglio 1943 – 4 giugno 1944. Roma verso la libertà”. L’esposizione racconta fatti e vicende accaduti tra il 1943 e il 1944 quando la cittadinanza ha vissuto l’occupazione nazifascista: rastrellamenti, deportazioni, torture, la lotta per la liberazione, i bombardamenti e, infine, l’ingresso delle truppe alleate. La mostra raccoglie e mette a sistema, per la prima volta, le storie dei territori romani, i luoghi della città che furono protagonisti degli eventi, raccontandoli attraverso filmati, documenti, fotografie e mappe della città.

L’esposizione, che sarà inaugurata mercoledì dal Sindaco Ignazio Marino e sarà aperta al pubblico fino al 20 luglio, ospita anche le dieci migliori fotografie selezionate nel concorso – organizzato da Roma Capitale e dal quotidiano La Repubblica – che raccoglie immagini d’archivio e scatti di oggi, testimonianze o ricordi di cosa accadde in quel periodo a Roma occupata.

Altro momento centrale delle iniziative sarà la serata evento ai Fori Imperiali di sabato 7 giugno. A partire dalle 20, si darà inizio alla kermesse musicale con Freedom, di Duke Ellington e poi Sacred Concert per Voce curato dal Conservatorio Santa Cecilia di Roma. Sullo sfondo della Colonna Traiana, il Maestro Alfredo Santoloci dirigerà la Cecilia Jazz Orchestra e il Jazz Vocal Ensemble nell’esecuzione di quello che Ellington stesso definì “la cosa più importante che abbia fatto”, monumento musicale alla Libertà e all’Amore. Aprirà il concerto la Street Band, che inizierà a suonare tra il pubblico.

A seguire, alle 21:30, sarà proiettato il capolavoro di Roberto Rossellini, Roma Città Aperta, nella versione restaurata grazie al Progetto Rossellini, a cura dell’ Istituto Luce Cinecittà, della Fondazione Cineteca di Bologna e della CSC-Cineteca Nazionale. Un film simbolo di una Roma stretta nella morsa della follia nazista, emblema di una nazione, del suo popolo, dei suoi valori, manifesto della Resistenza e di una nuova Italia che nasceva dal dolore della guerra.

L’intero progetto è promosso da Roma Capitale, in collaborazione con Istituto Luce-Cinecittà e Zètema Progetto Cultura, con l’organizzazione di Comunicare Organizzando. Tutte le iniziative sono consultabili sul sito www.comune.roma.it.

Potrebbero interessarti anche