L’Agenda della semplificazione, secondo Madia

Madia-sliderTrentotto azioni per cinque settori strategici: cittadinanza digitale, welfare e salute, fisco, edilizia e impresa

 

 

ROMA – Restituire il tempo a cittadini e imprese in settori chiave per la qualità della vita e la crescita dell’economia. Questo l’obiettivo prioritario dell’Agenda per la semplificazione 2015-2017 approvata dal Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro per la semplificazione e la PA, Marianna Madia. Un documento sintetico che contiene le linee di indirizzo condivise da Stato, Regioni e Enti Locali (Comuni, Province e Città metropolitane) per l’effettiva riduzione dei tempi e dei costi dell’amministrazione pubblica.

Il documento si articola in trentotto azioni per cinque settori strategici: cittadinanza digitale, welfare e salute, fisco ed edilizia e impresa, il cui stato di avanzamento verrà verificato e aggiornato periodicamente dal Consiglio dei Ministri e dalla Conferenza Unificata. A mettere nero su bianco responsabilità e scadenze, come anche a facilitare il controllo/monitoraggio da parte dei cittadini e delle imprese sull’effettiva attuazione, ci sono l’Agenda della semplificazione e un cronoprogramma con azioni, tempistiche e risultati attesi. Inoltre i risultati raggiunti verranno mano a mano pubblicati online, accompagnati da una serie di misurazioni della “percezione” che il cittadino avrà delle innovazioni introdotte.

Inoltre gli obiettivi dell’Agenda della semplificazione dovranno trovare evidenza nei documenti di pianificazione della performance organizzativa delle amministrazioni coinvolte e contribuire alla valutazione della performance individuale dei dirigenti.

Come in altre occasioni, la nuova Agenda varata dal governo Renzi viene presentata come un’innovazione straordinaria capace di cambiare definitivamente verso alla Pa. Immemore delle innumerevoli riforme che negli ultimi vent’anni si sono succedute, questa sarebbe “la prima volta che il Governo italiano, di concerto con le amministrazioni locali, si dota di un documento programmatico dal carattere operativo, volto ad assicurare l’effettiva realizzazione degli obiettivi individuati in materia di semplificazione”. Non si tratta quindi in questo caso di introdurre norme o di eliminarne, ma di guardare alla loro effettiva attuazione e soprattutto di comunicare ai cittadini i risultati raggiunti. Con una serie di “azioni di sistema”, si supporta in modo trasversale tutte le iniziative e si garantisce l’effettività e la conoscenza degli interventi da parte dei destinatari.

Per ciascuna azione, oltre alle informazioni previste in fase di programmazione, sarà pubblicato un aggiornamento in tempo reale dello stato di avanzamento, grazie a delle pagine web dedicate che permetteranno a cittadini e imprese, non solo di consultare, ma anche di commentare gli interventi in corso, inviare segnalazioni o suggerimenti utili alla programmazione di nuovi interventi. Una vera e propria consultazione telematica permanente che permetterà agli utenti, consumatori, associazioni imprenditoriali di prendere parte attiva alla fase di monitoraggio finalizzata a esaminare l’effettivo raggiungimento degli obiettivi. Con un focus particolare sui costi e i tempi al fine di individuare, con l’aiuto dei cittadini, gli adempimenti più onerosi sui quali intervenire, le eventuali criticità e valutare gli impatti delle iniziative programmate

Nel documento allegato il dettaglio delle azioni, dei tempi e delle responsabilità.

Contenuti del documento di semplificazione Semplificazione.pdf

Potrebbero interessarti anche