L’ad di Acea è tranquillo e il titolo si ferma

acea3Dopo le turbolenze, al termine della seduta il titolo risulta stabile. Irace prevede un incontro istituzionale. 

ROMA – “Non eravamo preoccupati e non lo siamo ora”, è la risposta dell’amministratore delegato di Acea, Alberto Irace, ai giornalisti che, a margine dell’assemblea dell’Autorità per l’energia, gli chiedono di possibili preoccupazioni per l’elezione a sindaco di Roma di Virginia Raggi, candidata del Movimento a 5 Stelle, che a più riprese ha dichiarato di voler mettere mano, come azionista di riferimento, alla governance della principale municipalizzata romana.

“Abbiamo un piano industriale da realizzare e continueremo a realizzarlo con il rigore e la serenità di sempre. Il consiglio andrà a scadenza, c’è la legge e ci sono le prerogative dei soci”. Sulla turbolenza del titolo nell’ultimo periodo legata all’esito del voto, Irace replica: “Chiedetelo agli investitori, io non ho neppure una azione”. Nel frattempo la discesa del titolo, che ieri aveva perso più del 4%, si è fermata.

Irace prevede presto un incontro di tipo istituzionale. “Immagino che sarà necessario avere presto un confronto sereno, con tutte le modalità lo promuoveremo anche noi. D’altronde è nostro dovere interloquire sistematicamente con tutti gli azionisti”.

Potrebbero interessarti anche