Dhaka: il terrorismo guarda a Est

soldatidaccapiccolaLa strage dei 20 civili nella capitale del Bangladesh. Per molti osservatori internazionali l’attentato era prevedibile.

ROMA – L’agenzia di intelligence indiana ha messo più volte in allerta il Bangladesh su un possibile attacco terroristico dell’ISIS, segnalando un aumento della propaganda di Daesh proprio nello stato asiatico.

Il mese scorso infatti le agenzie di intelligence indiane avevano allarmato le loro controparti del Bangladesh riguardo a un probabile attacco terroristico ad opera dell’Isis o Stato Islamico (secondo quanto riportato da un ufficiale della sicurezza del Bangladesh). Sebbene l’avvertimento non contenesse dettagli sull’esatta trama dell’attentato, ciò offriva alle strutture indiane una prova significativa di un vero e proprio addestramento di estremisti in Bangladesh.

“Gli avvertimenti provenienti dall’India erano solo una delle numerose segnalazioni dell’intelligence, secondo la quale alcuni jiadisti stavano pianificando un attentato memorabile. C’erano molti pezzi del puzzle a nostra disposizione, ma non abbastanza da poter disegnare un quadro completo”, così ha dichiarato un altro ufficiale della sicurezza del Bangladesh al  The Indian Express .

Nel frattempo gli investigatori stanno cercando il possibile luogo di pianificazione e le strutture logistiche messe a disposizione dei terroristi responsabili della strage di Dhaka.

Daesh, o Stato Islamico, nell’aprile 2014 sul quotidiano online Dabiq aveva indicato il Bangladesh come uno dei possibili target per attentati di matrice terroristica. Il gruppo sostiene di operare nel paese attraverso Jama’at-ul-Mujahideen Bangladesh (JMB), che ha giurato piena alleanza al terrorismo internazionale. Tuttavia, ad oggi, i servizi segreti del Bangladesh non hanno trovato alcun collegamento tra il terrorismo “casalingo” e l’ISIS.

La vicenda si colora di delicate questioni di politica internazionale. Infatti, il ministro dell’Informazione Hasanul-Haq Inu ha puntato il dito contro il Pakistan, da sempre nemico del Bangladesh, sostenendo che l’agenzia di investigazione pakistana ha avuto rapporti con i gruppi armati di Jamaat-e-Islami.Dhaka4144

L’ISIS ha rivendicato l’attacco sull’agenzia stampa Amaq News, ma il governo del Bangladesh non conferma un coinvolgimento esclusivo di Daesh.

In questo paese il problema che emerge ora con forza è l’assenza di una sorveglianza politico-militare nelle zone al confine con l’India. “L’addestramento armato di gruppi isolati sfugge a qualsiasi controllo”, ha dichiarato un ufficiale della polizia di Assam.

Questo attacco, dunque, rappresenta una sfida per le autorità del Bangladesh e per gli osservatori internazionali, che, sino a oggi, si sono disinteressati della sicurezza di questa regione del mondo che ospita la più grande comunità musulmana.

Potrebbero interessarti anche