Altaroma, la moda approda nella Capitale

fendipiccolasfilatafontanatrevi4Il primo assaggio è stato dato da Fendi, con la sfilata in scena alla Fontana di Trevi per il 90 anni della casa di moda.

ROMA – Altaroma, la kermesse capitolina dedicata all’alta moda e all’eccellenza made in Italy, prenderà il via ufficialmente oggi. Ma ieri, già, il primo assaggio è stato dato dall’evento celebrativo dei 90 anni di Fendi, in scena alla Fontana di Trevi, recentemente restaurata proprio dalla maison romana. Molto più di una sfilata, a Legends and Fairy Tales, così è stato chiamato l’evento capitolino di Fendi, Karl Lagerfeld e Silvia Venturini Fendi che hanno portato in scena l’Haute Fourrure Collection inverno 2016, al cui centro, come suggerisce il nome, ci sono capi di alta moda tra i quali spiccano le pellicce, da sempre core business della maison.

Intanto oggi torna l’appuntamento annuale con Altaroma, dove la moda è la vera protagonista. Da via del Pellegrino all’ex Dogana di San Lorenzo, da via del Babuino, via Margutta, via dell’Oca e via della Penna fino a via Cola di Rienzo. E poi Palazzo Borghese, il Museo Boncompagni Ludovisi, l’Acquedotto Felice. Si conferma, anche quest’anno, l’Ex Dogana come sede principale delle sfilate ma sempre a San Lorenzo saranno coinvolte altre zone del quartiere come l’Auditorium di Mecenate o l’Itis Galileo Galilei dove giovani talenti presenteranno le loro collezioni.

Nel “Sistema Moda Italia”, Roma si identifica ormai pienamente con il suo ruolo di ricerca, sostegno e promozione di giovani talenti. A parte i designer più affermati, come Balestra, Rani Zahkhem, Sabina Persechino, Greta Boldini, Sara Lanzi, Quattromani e Addy van den Krommenacker, sulle passerelle saliranno i ragazzi dello Ied e delle altre scuole di moda: Koefia, Maiani, Ida Ferri, Altieri, Sartori, Costume & Moda, le sarte e le ricamatrici dell’Accademia Massoli di Casperia (Rieti) mentre stilisti che sono stati scoperti qui nelle passate edizioni, come Angelos Bratis, Giuliana Mancinelli Bonafaccia, MVP, Oscar Tiye, SuperDuper Hats esporranno da Coin Excelsior in via Cola di Rienzo.

E ancora A.I. Artisanal Intelligence presenta «Grand Tour» ispirato al «Viaggio in Italia» di Goethe con il lavoro di designer e artisti viaggiatori. Molta attesa, infine sul concorso Who’s on next? 2016. Tra i finalisti, Azzurra Gronchi, Ioanna Solea e Lodovico Zordanazzo per gli accessori, Brognano, Edithmarcel, Melampo Milano per abbigliamento. Ci sarà anche un lavoro sulla couture, le sue radici, i suoi preziosi codici rivisti in chiave contemporanea.

Lo stilista libanese Hussein Bazaza sfilerà proponendo un’evoluzione in chiave haute couture della collezione prêt-à-porter mentre Arnoldo Battois e Esme Vie, sempre provenienti dal vivaio della capitale, concentreranno la loro creatività sull’aspetto couture, a sottolineare quanto questa espressione del made in Italy attragga sempre più le nuove generazioni.

Ancora sul fatto a mano, su lavorazioni uniche e sull’artigianato di lusso, il progetto The Secrets of Couture ideato da Silvia Venturini Fendi, presidente di AltaRoma.

Potrebbero interessarti anche