Fim-Fiom-Uilm in Campidoglio su rinnovo contratto e appalti

metalmeccanicipiazzapiccola4I sindacati hanno chiesto un incontro con la Raggi e con Zingaretti. Ma ancora nessuna risposta.

ROMA – Caschi metalmeccanici in piazza del Campidoglio dalle prime ore della mattina. Le rappresentanze sindacali di Fiom, Fim e Uilm sono mobilitate per il rinnovo del contratto, ma anche per contrastare due problemi del territorio: la diffusione di appalti e gare al massimo ribasso e la crisi del settore dell’informatica.

“Siamo in presidio in Campidoglio perché come Fiom Film e Uilm stiamo promuovendo a luglio in tutta Italia quattro ore di sciopero articolato per il rinnovo del contratto nazionale – spiega Francesca Redavid, segretaria Fiom di Roma e Lazio -. Oggi si sciopera a Roma e siamo qui per spiegare questa vertenza, avendo chiesto anche alla sindaca Virginia Raggi e al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti un incontro sulla crisi nel territorio sui quali non abbiamo avuto ancora risposta”.

Rispetto al territorio di Roma, continua Francesca Redavid, “abbiamo due questioni enormi. La prima e’ collegata al sistema nei bandi di gara e appalti perché a Roma i metalmeccanici partecipano alle gare per la manutenzione in strade, uffici pubblici, scuole, persino ospedali. Con le gare al massimo ribasso abbiamo perdite costanti di posti di lavoro e condizioni sempre peggiori nei salari e nei diriti”. Roma, poi, e’ con Milano il secondo polo nazionale per informatica e ricerca e anche qui sono anni che non si fa innovazione, “ma tutto va in gara al massimo ribasso. Speriamo di incontrare presto le istituzioni nazionali e soprattutto locali – conclude Redavid – per trovare delle soluzioni condivise almeno a questi due nodi”.

Potrebbero interessarti anche