La Consob non sospende l’offerta vincente di Cairo

urbanocairoslider2Bonomi & Company avevano chiesto di verificare se vi fossero state irregolarità nell’Opas su Rcs.

ROMA – Con grande tempestività la Consob ha esaminato l’esposto presentato ieri dalla International Media Holding (Imh), la cordata perdente per l’acquisto di Rcs formata da Bonomi, Mediobanca, Diego Della Valle, Pirelli e UnipolSai. I ricorrenti chiedevano di verificare “se vi siano state irregolarità nello svolgimento dell’Opas su Rcs da parte di Cairo Communication”. Nel giro di 24 ore è arrivata la risposta della Consob: “La Commissione non ha ritenuto, allo stato attuale, sussistenti i presupposti per la sospensione cautelare dell’offerta Cairo”.

Si va dunque avanti sulla via tracciata dal patron della 7 all’indomani dell’aggiudicazione. Anzi le azioni del suo gruppo stamattina segnavano un bel +1,49% in una Borsa sonnacchiosa. Il titolo Rcs invece arretrava dello 0,39%.
La disputa delle due cordate, che sul primo momento sembrava improntata al fair play, è divampata con l’esposto presentato in Consob e non è escluso che possa avere una coda velenosa. La risposta di Urbano Cairo lascia trasparire grande sicurezza: “Siamo tranquilli perché abbiamo fatto tutto in modo trasparente e limpidissimo. Il tema sollevato dalla cordata Bonomi non sussiste. Inoltre sono molto soddisfatto perché abbiamo avuto grande riscontro non solo dagli investitori istituzionali ma anche dal pubblico dei risparmiatori, risultato più del triplo dell’Opa concorrente”.

Pare anzi che la legal star Sergio Erede, che ha assistito Cairo nell’offerta di acquisto, starebbe valutando la possibilità di fare un controesposto. Anche Gian Maria Gros-Pietro, presidente di Intesa Sanpaolo, la banca al fianco di Cairo nell’Opas su Rcs si mostra ottimista: “Mi sembra che sia stata chiesta chiarezza e questo è importante per il mercato. Ci sono autorità che hanno il compito di occuparsi del rispetto delle regole e lo stanno facendo bene. La proposta di Cairo ha avuto l’effetto di smuovere una situazione da troppi anni stagnante e di rivitalizzare la quotazione in modo soddisfacente. Alla fine avrà l’effetto di mettere la società editoriale nelle mani di un esperto del settore”.

Oggi intanto è previsto il pagamento del corrispettivo per le azioni apportate all’offerta (pari a 0,18 euro sotto forma di azioni Cairo Communication e 0,25 euro cash) e il patron di La7 sarà a quel punto in possesso del 48,8% del capitale di Rcs Mediagroup. Dal 22 al 28 luglio, poi, i detentori di azioni che le avessero conferite all’Opa di Imh hanno la facoltà di “migrare” verso quella di Cairo che potrebbe incrementare ulteriormente la sua quota fino a quasi il 62% di Rcs.

Potrebbero interessarti anche