Ikea a Roma apre primo pick-up & order point al Collatino

IKEA_Ingresso_principale_01Investimento di 1,9 milioni di euro. Il punto vendita si avvicina al centro urbano. Stabile di 1.500 mq.

ROMA – Ikea si rafforza a Roma con un investimento di 1,9 mln di euro. L’azienda svedese ha inaugurato oggi in viale G.B. Valente 190, il primo Pick-up & Order Point a marchio della Capitale: un nuovo progetto commerciale che avvicina il punto vendita ai centri urbani, unendo alcuni aspetti del negozio classico alla comodita’ dell’acquisto online da pc, tablet e smartphone.

Un nuovo format di prossimita’ – sottolinea l’azienda in un comunicato – che risponde alle nuove abitudini d’acquisto dei consumatori e anticipa le tendenze del mercato: punti vendita dalle dimensioni piu’ ridotte, assortimento selezionato di prodotti e un’attenzione maggiore a tempi, ritmi e necessita’ dei consumatori. Una strategia che rappresenta un’ulteriore tappa per IKEA d’integrazione tra canale fisico e virtuale, con l’obiettivo di offrire un bouquet di servizi tra cui scegliere sulla base delle proprie esigenze.

Il Pick-up & Order Point di Roma, il primo aperto all’interno di un centro commerciale, ha visto un investimento di 1,9 mln di euro, per una superficie complessiva di 1.500 mq, di cui 700 mq allestiti per la vendita diretta di 89 complementi d’arredo e 800 mq destinati al ritiro e all’ordine dei prodotti. Le previsioni per l’attivita’ commerciale del 2017 vedono 15.000 ordini e consegne al Pick-Up & Order Point e una stima di 100.000 visitatori.

A Roma il nuovo format convive con due punti vendita tradizionali ormai consolidati, Anagnina e Porta di Roma, inaugurati rispettivamente nel 2000 e nel 2005. I due negozi romani, solo nel 2015, hanno registrato oltre 7 milioni di visitatori, mentre dalla provincia di Roma sul sito e-commerce IKEA.it/Compraonline sono stati fatti acquisti per un totale di 3.4 mln di euro attraverso 18.000 ordini. La presenza di IKEA a Roma ha una ricaduta occupazionale di 814 collaboratori diretti con una percentuale pari al 98% di contratti a tempo indeterminato e 68% a regime di part time, con una presenza femminile pari al 59%.

Potrebbero interessarti anche