Roma2024, il M5S boccia il progetto del Comitato

bandieraolimpiadislider4A lanciare il “siluro” è stato Angelo Diario, consigliere 5S nominato presidente Commissione Sport.

 

ROMA – La resa dei conti è sempre più vicina. Da quando la sindaca Raggi si è insediata, il presidente del Coni Malagò e quello del Comitato promotore Roma2024 Montezemolo attendono un incontro con la prima cittadina per capire se andare avanti con la candidatura olimpica.

Fino ad oggi non si sono nemmeno sfiorati. In tre  occasioni istituzionali Malagò ha incontrato Frongia, vice sindaco con la delega allo sport. Appuntamenti dove si parlava d’altro, dunque il tema olimpico non è stato affrontato ma solo sfiorato. La scorsa settimana la sindaca ha fatto sapere che il tema della candidatura sarà affrontato in Giunta entro il 7 ottobre, giorno in cui bisognerà per forza comunicarlo al Cio.

Nel frattempo venerdì prossimo inizieranno i Giochi olimpici di Rio de Janeiro e in Brasile Coni e Comitato Promotore lavoreranno di fino per presentare il progetto di Roma2024 ai potenti dello sport mondiale. Ma lo faranno da soli, in quanto l’invito arrivato in Campidoglio per mandare un rappresentate istituzionale a Rio è stato declinato, dunque nessun consigliere o assessore del M5S sarà li a rappresentare la città. Ieri, poi, è arrivato un altro “siluro”.

A lanciarlo è stato Angelo Diario, consigliere pentastellato nominato presidente della Commissione Sport, della quale era stato membro nella giunta Marino. “Abbiamo analizzato il progetto del Comitato sotto l’aspetto economico e infrastrutturale – ha detto Diario durante una presentazione pubblica – e il nostro giudizio è negativo da tutti i punti di vista. Comunque – ha proseguito Diario – potremmo convocare un tavolo tecnico già per la prossima settimana per discutere modifiche al progetto. Siamo disponibili a valutare eventuali cambiamenti: la bocciatura del progetto, comunque, non equivale a quella della candidatura”.

Ultima frase che lascia qualche spiraglio, ma a chiudere il portone ci ha pensato subito dopo il presidente del Consiglio comunale De Vito: “La nostra posizione non cambia: le Olimpiadi non sono una nostra priorità”. Per Malagò, dunque, una vigilia di partenza per Rio davvero amara.

Potrebbero interessarti anche