Cassa depositi e prestiti, si rafforza il Polo italiano dell’export

Cdp_sliderLa Cdp conferisce in Sace la partecipazione di Simest

 

ROMA – Si rafforza il “Polo italiano dell’export e dell’internazionalizzazione” del Gruppo Cassa depositi e prestiti. L’Assemblea degli Azionisti di Sace ha infatti approvato oggi il conferimento da parte di Cdp della partecipazione in Simest, pari al 76% delle azioni.

L’operazione sancisce un importante progresso nell’implementazione del Piano industriale 2016-2020 del Gruppo Cdp, che – grazie alla creazione di un sistema di supporto alla crescita e alla competitività internazionale del sistema produttivo nazionale – prevede di destinare alle imprese italiane che esportano e investono all’estero 63 miliardi di euro.

L’integrazione tra le due Società del Gruppo Cdp, che già lavorano in stretto coordinamento da inizio anno, mette a fattor comune i prodotti assicurativo-finanziari, i servizi e le competenze di Sace e Simest.

L’obiettivo è offrire anche alle imprese italiane un sistema di sostegno integrato, una “one-door” per soddisfare tutte le esigenze connesse all’export e all’internazionalizzazione: dall’assicurazione dei crediti, alla protezione degli investimenti esteri, dalle garanzie finanziarie per accedere ai finanziamenti bancari ai servizi di factoring, dalle cauzioni per vincere gare d’appalto alla protezione dai rischi della costruzione, dalla partecipazione al capitale delle imprese ai finanziamenti a tasso agevolato e all’export credit.

Potrebbero interessarti anche