La Roma si fa rimontare di due gol

Roma_Austria_sliderAll’Olimpico succede l’impensabile. In vantaggio 3-1 a sette minuti dalla fine si addormenta e l’Austria Vienna ne approfitta

 

ROMA – L’obiettivo della Roma era scavalcare l’Austria Vienna e portarsi in testa alla classifica del gruppo E di Europa League. L’obiettivo era senz’altro alla portata della squadra giallorossa, anche se non si presentava come una passeggiata. Invece La Roma fa harakiri e all’Olimpico finisce 3-3, dopo essere stata in vantaggio di due gol fino a 7 minuti dalla fine.

Non è bastata una doppietta di El Shaarawy e un gol di Florenzi su splendido assist di Totti per chiudere la partita. In zona Cesarini la Roma si addormenta e subisce l’uno-due austriaco (Prokop e Kayode) che vale il pareggio. Un’occasione persa per i giallorossi (con tanti interrogativi per Spalletti), un pareggio che vale una vittoria per i viennesi. E una cocente delusione dei pochi spettatori all’Olimpico.

Un black-out preoccupante, dopo le vittorie con Inter e Napoli in campionato, che avevano fatto credere a una Roma in crescita, sotto tutti gli aspetti. Spalletti alla vigilia del match era stato chiaro: “Non si torna indietro”, ma questo 3-3 invece è un passo indietro notevole. Il tecnico giallorosso ha infatti dovuto riconoscere amaramente che “purtroppo ce la prendiamo comoda, facciamo un metro di meno e quando trovi avversari che si giocano la vita lo paghi a caro prezzo». Il pareggio in extremis con l’Austria Vienna brucia assai: “Stasera non abbiamo fatto una brutta partita – commenta a caldo Spalletti – l’abbiamo condotta bene e potevamo sfruttare qualche situazione di più. Purtroppo quando pensiamo di avere la partita in pugno ecco che diventiamo faciloni e facciamo un metro di meno. Ora dobbiamo alzarsi sui pedali e lavorare”.

Nel merito della gara, si segnala la doppietta di El Shaarawy, che torna Faraone, e il gran gol di Florenzi nella ripresa, confezionato con Totti, che sembrava chiudere i giochi. Il Capitano della Roma, titolare dopo essere stato in panchina contro Inter e Napoli, colleziona la centesima presenza in Europa. Non arriva il centesimo gol sotto la gestione Spalletti, ma due assist bellissimi che però non bastano per portare a casa i tre punti.

E quando la partita sembra finita, la Roma spegne la luce in anticipo e subisce una rimonta clamorosa: l’Austria Vienna segna due gol in due minuti con Prokop e Kayode, approfittando di due leggerezze difensive. La Roma aveva praticamente in mano la qualificazione ai sedicesimi. Per fortuna a limitare i danni ci ha pensato l’Astra Giurgiu, che ha battuto il Viktoria Plzen. I giallorossi sono comunque al comando della classifica, ma insieme con l’Austria Vienna a quota 5. L’Astra Giurgiu è a 3 e il Plzen a 2.

Potrebbero interessarti anche