Regione Lazio, la Corte dei Conti dà parere positivo

regione_lazioNonostante il forte indebitamento, si colgono incoraggianti segnali positivi nel rendiconto 2015

 

ROMA – “La sezione di controllo per la Regione Lazio dichiara la regolarità del Rendiconto generale del Bilancio del Lazio per l’esercizio 2015 e del Conto economico e dello Stato patrimoniale attivo e passivo per la medesima annualità”. Sono le conclusioni della requisitoria del procuratore regionale della Corte dei Conti, Donata Cabras, in occasione della presentazione del giudizio di parificazione del rendiconto generale della Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2015.

“Le risultanze – afferma – appaiono formalmente corrette. Il 2015 appare pesantemente contrassegnato da una situazione di forte indebitamento, costituito prevalentemente dal portato di pregresse gestioni, rappresentato da un debito complessivo di oltre 29 miliardi di euro che inevitabilmente si ripercuote su ogni decisione è su ogni provvedimento. I vincoli derivanti dal piano di rientro e conseguenti alla contrazione delle anticipazioni di liquidità vanno a sommarsi alle generali limitazioni. Ciò rende prioritario proseguire nel percorso di contenimento della spesa, pervenendo a una gestione dei tributi di pertinenza che, pur tenendo conto dell’esigenza di non gravare con una pressione fiscale eccessiva, assicuri la sostenibilità dei conti, anche in una visione prospettica.

“In un contesto così complesso, mentre si registrano ancora numerose criticità, si colgono incoraggianti segnali positivi che devono indurre l’amministrazione a continuare nel cammino intrapreso, intervenendo in quei settori e in quelle situazioni in cui sono ancora presenti le problematiche segnalate. Perciò – conclude la requisitoria – sono richiesti il massimo impegno e ogni attenzione verso l’adozione delle misure più idonee al risanamento della compatibilità regionale e in grado di accompagnare anche la ripresa economica che sembra intravedersi dopo tanti anni di crisi”.

Potrebbero interessarti anche