Roma, la resa dell’assessora Muraro

Muraro_PaolaAlla fine si dimette l’assessora all’Ambiente Paola Muraro. Dopo aver ricevuto un avviso di garanzia rimette le deleghe nelle mani della sindaca Raggi

 

 

ROMA – La Giunta Raggi perde un altro pezzo. Dopo le dimissioni dell’ex assessore al Bilancio Marcello Minenna, del capo di gabinetto Carla Raineri e le turbolenze dei giorni scorsi intorno all’assessorato all’Urbanistica di Paolo Berdini, molla l’assessora all’ambiente Paola Muraro dopo aver ricevuto un avviso di garanzia.

Difesa strenuamente dalla sindaca Virginia Raggi, nonostante fin da subito ci fossero state polemiche sulle sue ricche consulenze in Ama e per l’annunciata iscrizione nel registro degli indagati nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Roma sui rifiuti, era di ieri pomeriggio l’ultimo post diffuso dalla sua pagina Facebook sull’ennesimo blitz a Residence Bastoggi dove l’assessora descriveva in prima persona la situazione indecorosa dell’area.
Nel tardo pomeriggio da alcuni scambi già si percepiva un certo inspiegabile nervosismo dello staff Raggi, ma e’ di stanotte il video in cui la sindaca annuncia le dimissioni della sua assessora: “Non sono entrata nel merito dell’avviso, ho accettato le sue dimissioni e ho assunto le deleghe alla sostenibilità ambientale”.

Muraro difende la sua posizione con la stessa linea adottata fin dalle prime avvisaglie: “Oggi, tramite il mio legale, la Procura di Roma mi ha notificato un avviso di garanzia in riferimento all’articolo 256 del Testo unico sull’ambiente – dichiara Muraro – Contestualmente sono stata informata che verrò ascoltata dalla Procura il prossimo 21 dicembre. Sono tranquilla e convinta di riuscire a dimostrare la mia totale estraneità ai fatti. Tuttavia, per senso di responsabilità istituzionale e per rispetto verso questa amministrazione, ho deciso di dimettermi in attesa di chiarire la mia posizione”, sottolinea.

“Non sono entrata nel merito dell’avviso, ho accettato le sue dimissioni e ho assunto le deleghe alla sostenibilità ambientale”. La sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha spiegato in un video su Facebook di aver accettato le dimissioni dell’assessore Muraro. “Ho appena finito una riunione di maggioranza. Ho comunicato ai miei consiglieri di aver accettato le dimissioni dell’assessore Paola Muraro. La stessa – spiega Raggi – mi ha comunicato infatti di aver ricevuto da poco un avviso di garanzia per presunte violazioni del testo unico ambientale. Non sono entrata nel merito dell’avviso, ho accettato le sue dimissioni e ho assunto le deleghe alla sostenibilità ambientale. Ritengo importante infatti dare continuità all’azione amministrativa sia nel risanamento di Ama che nel rilancio di tutto il settore ambientale”.

I cellulari dei consiglieri M5S, presenti al vertice di maggioranza in cui Raggi avrebbe preso la decisione di lasciar andare Muraro, suonano a vuoto o sono rigorosamente staccati. Ma l’opposizione già contrattacca: “Giunta #Raggi ha battuto record rimpasti, in soli 6 mesi: cambiati 3 al bilancio, 2 all’ambiente, quasi 2 all’urbanistica. E #Roma e’ ferma”. Così su Twitter il deputato Pd Umberto Marroni, sulle dimissioni dell’assessora capitolina Paola Muraro.

“Con le dimissioni dell’assessore all’Ambiente Muraro finisce l’ennesima presa in giro dell’amministrazione Raggi verso i romani – dichiara il consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia, Fabrizio Santori. Ricordiamo ancora le patetiche fandonie del sindaco e del suo assessore quando venne omesso dalla Muraro di essere indagata nell’ambito di un’inchiesta per reati ambientali. La Raggi sapeva da tempo ma preferi’ ‘copirire’ il suo assessore e mentire ai cittadini. Ci volle la commissione Antimafie”.

Potrebbero interessarti anche