Monsignor Ocariz nuovo prelato dell’Opus Dei

mons.-ocariz

Di famiglia spagnola in esilio in Francia durante la Guerra civile spagnola, ha prevalso sull’altro candidato Mariano Fazio

 

ROMA – Papa Francesco ha nominato monsignor Fernando Ocáriz prelato dell’Opus Dei. Il Papa ha confermato l’elezione avvenuta durante il terzo Congresso elettorale della prelatura. Con questa nomina, Ocáriz, che fino a questo momento era vicario ausiliare dell’Opus, diventa il terzo successore di san Josemaría alla guida della prelatura, dopo la morte di Javier Echevarría avvenuta lo scorso 12 dicembre.

L’elezione si è giocata su due nomi. Oltre a Ocáriz era considerato spendibile il nome del vicario generale Mariano Fazio, argentino di 56 anni. Quest’ultimo avrebbe rappresentato una scelta maggiormente di rottura rispetto alla linea precedente. Tuttavia, il suo nome sembra non abbia prevalso soprattutto a motivo dell’età: essendo la prelatura un incarico a vita si è optato per una personalità più in là con l’età. Ocáriz è uomo ben inserito anche nella curia romana fin dai tempi di Papa Ratzinger. Conosce il mondo e conosce bene Roma, cosa non secondaria per il ruolo che va a ricoprire.

Nato a Parigi il 27 ottobre 1944, in una famiglia spagnola in esilio in Francia durante la Guerra civile spagnola (1936-1939), Ocáriz è il più giovane di 8 figli. Laureato in Fisica presso l’Università di Barcellona, ottenne la licenza in Teologia presso la Pontificia Università Lateranense nel 1969 e il dottorato presso l’Università di Navarra nel 1971, anno in cui fu ordinato sacerdote. Nei suoi primi anni di sacerdozio si dedicò specialmente alla pastorale dei giovani e degli universitari.

È consultore della Congregazione per la Dottrina della Fede (dal 1986) e di altri dicasteri della Curia di Roma. È membro della Pontificia Accademia Teologica dal 1989. Negli anni ’80 è stato uno dei professori che iniziarono il lavoro dell’Università Pontificia della Santa Croce (a Roma) in cui è stato professore ordinario di Teologia Fondamentale e dove ora è professore emerito.

Tra le sue innumerevoli pubblicazioni si trovano libri di cristologia, di teologia e di filosofia. Vicino a Escrivá fin dalla giovane età, Ocáriz è appassionato di tennis, sport che pratica tuttora. Nei prossimi giorni proporrà i nomi dei suoi vicari e dei membri dei nuovi consigli che lo assisteranno durante i prossimi otto anni.

Potrebbero interessarti anche