L’insediamento dei carabinieri all’Agenzia del farmaco

Farmaci_bis

La firma dell’accordo fortemente voluto dal ministro Lorenzin. Più controlli sulla salute dei cittadini

 

ROMA – I carabinieri entrano alla sede dell’Agenzia italiana del farmaco in via del Tritone. Ma questa volta non per ordine di qualche magistrato della Procura o per un’indagine penale in corso, bensì per coadiuvare l’Agenzia nella tutela della salute dei cittadini e nell’assicurare controlli sempre più efficaci nei controlli in materia di farmaci.

“Oggi è un giorno molto importante per l’AIFA – ha dichiarato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin – L’insediamento del Nucleo dei Carabinieri per la Tutela della Salute (N.A.S.) nella sede romana di AIFA di Via del Tritone porterà all’interno dell’Agenzia competenze straordinarie, tecniche e investigative, che garantiranno ai cittadini standard di qualità sempre più alti nei controlli in materia di farmaci. I militari dell’Arma – ha proseguito il ministro – contribuiranno a migliorare il lavoro quotidiano dell’Agenzia, la sua percezione dall’esterno e la sua competitività sul piano internazionale. Ho voluto fortissimamente che ciò accadesse, e devo ringraziare il Comando Generale dei Carabinieri, i ministri della Difesa e dell’Interno, che hanno condiviso il percorso che ci ha portato a questa giornata”.

“Per volontà del Ministro Lorenzin e del Comandante Generale dell’Arma, d’intesa con i Ministri della Difesa e Interno, i Carabinieri rafforzano la collaborazione con AIFA – ha commentato il Generale comandante dei N.A.S. Claudio Vincelli – mettendo al servizio dei cittadini professionalità qualificate. Ufficiali, di cui alcuni specializzati in farmacologia, insieme a Marescialli e Carabinieri già esperti di investigazioni. Essi costituiranno una squadra capace di migliorare la sperimentata sinergia tra NAS e AIFA, in prima linea nel contrasto al crimine farmaceutico e sempre a tutela del cittadino”.

“Con il ministro Lorenzin – ha dichiarato il Direttore Generale di AIFA Mario Melazzini – abbiamo avuto una totale comunione d’intenti e sono particolarmente grato a tutti coloro che hanno reso possibile realizzare il Nucleo all’interno di Aifa. La collaborazione con Ministero e N.A.S. ha dato nel corso degli anni un contributo fondamentale per la tutela della salute degli italiani. A partire da oggi potremo ottimizzare ulteriormente le sinergie e vigilare in maniera ancora più efficace sulla filiera farmaceutica”. Le attività di vigilanza farmaceutica dei N.A.S. sono regolate nel dettaglio da un protocollo sottoscritto dalle istituzioni.

Potrebbero interessarti anche