Aifa, Stefano Vella nuovo presidente

Indicato dal ministro Lorenzin, Vella era direttore del Centro nazionale salute globale dell'Istituto Superiore di Sanità

ROMA – Si attendeva solo l’atto formale della Conferenza Stato-Regioni: il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, aveva infatti indicato il nome di Stefano Vella, medico e ricercatore dell’Istituto Superiore di Sanità, per la presidenza dell’Aifa, l’Agenzia italiana del Farmaco.

E così ieri, giovedì 30 marzo, è arrivato il sì definitivo delle Regioni alla nomina di Vella. Lo ha annunciato il coordinatore degli assessori agli Affari finanziari, Massimo Garavaglia, uscendo dalla riunione della Conferenza delle Regioni dove i presidenti hanno deciso di sancire l’intesa col Governo. “E’ un personaggio di alto profilo, una buona scelta – ha spiegato Garavaglia – speriamo che sia un buon viatico per la questione dell’Ema”, l’agenzia europea del farmaco che si trova a Londra e che Milano si e’ candidata ad ospitare”.

“La scelta di Stefano Vella alla presidenza dell’AIFA – dichiara Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS)- va nella direzione di coniugare l’eccellenza scientifica alla competenza e all’esperienza in sanità pubblica, tutte qualità riassunte da questo straordinario ricercatore, indicato da Science tra i dieci più importanti del mondo per la qualità delle ricerche sull’HIV/AIDS, che ho avuto modo di apprezzare personalmente alla guida del Dipartimento del Farmaco e, oggi, a quella del Centro di Salute Globale istituito dopo la riorganizzazione dell’Istituto”.

“A nome di tutti i farmacisti mi congratulo con il professor Stefano Vella per la sua nomina alla presidenza dell’Agenzia del farmaco”: lo dichiara il Senatore Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti FOFI. “Con il suo arrivo al fianco del Direttore generale, professor Mario Melazzini, il nostro ente regolatorio può affrontare a ranghi completi le importanti questioni sul tappeto: governance farmaceutica, gestione dell’innovazione e le altre che sono ai primi posti nell’agenda politico-sanitaria. Sono certo che il professor Vella replicherà all’Aifa l’ottimo lavoro svolto alla guida del Dipartimento del farmaco dell’Istituto superiore di sanità”.

Direttore del Centro nazionale di salute globale dell’Istituto superiore di sanità, Vella prenderà il posto di Mario Melazzini, ora Dg di Aifa.

Laureato in Medicina e Chirurgia, a Roma nel 1977, si è specializzato in Malattie Infettive e in Medicina Interna nell’82. Da allora i suoi incarichi sono stati molteplici e sempre più di prestigio, solo per citarne alcuni: nel 1992 era Dirigente di Ricerca, Istituto Superiore di Sanità, e dal 1994 al 1998 Direttore Reparto Infezioni da Retrovirus, Laboratorio di Virologia, Istituto Superiore di Sanità, nonchè – nel 1996 – Responsabile Scientifico del Progetto Patologia, clinica e terapia dell’Infezione da HIV; Programma Nazionale di Ricerca sull’AIDS. Docente Universitario in Farmacologia Antivirale, Università di Urbino; negli anni 1994-1995 Docente Universitario in Terapia delle Malattie Infettive, Università di Roma “Tor Vergata”; 1995-1998 Docente Universitario in Terapia delle Malattie Infettive, Università di Sassari e negli anni 2002-2003 Docente Universitario in Terapia delle Malattie Infettive, Università di Genova.

Stefano Vella è stato a lungo alla guida del Dipartimento del Farmaco dell’Istituto Superiore di Sanità: 14 reparti dedicati alla valutazione di qualità, sicurezza, efficacia e appropriatezza d’uso dei medicinali e delle terapie disponibili.

Potrebbero interessarti anche