Aerospazio: via libera del Senato alla riforma del settore

Un Comitato interministeriale ad hoc, presieduto dal presidente del Consiglio

ROMA – Dopo quasi tre anni dall’avvio della trattazione arriva il via libera del Senato al disegno di legge sul coordinamento delle politiche spaziali e aerospaziali con l’istituzione a Palazzo Chigi di un Comitato interministeriale ad hoc, presieduto dal presidente del Consiglio. Il testo passa ora all’esame della Camera.

Si tratta di un provvedimento molto atteso dal mondo dell’aerospazio per le positive ricadute attese da un migliore coordinamento di un settore ritenuto strategico sia sul fronte della ricerca che delle applicazioni che da questa derivano e che toccano da vicino molti aspetti della vita dei cittadini.

La finalità del ddl è dichiarata nel primo articolo: “assicurare il coordinamento delle politiche spaziali e aerospaziali, nonché favorire l’efficacia delle iniziative dell’Agenzia spaziale italiana”, attraverso l’attribuzione al presidente del Consiglio dell’alta direzione, la responsabilità politica generale e il coordinamento delle politiche dei ministeri relative ai programmi spaziali e aerospaziali nell’interesse dello Stato.

Il presidente del Consiglio individuerà il sottosegretario alla Presidenza con delega alle politiche spaziali e aerospaziali che potrà sostituirlo nel presiedere il Comitato composto dai ministri della Difesa, dell’Interno, dei Beni culturali, delle Politiche agricole, dell’Istruzione, Università e Ricerca, dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e trasporti, dell’Ambiente, degli Affari esteri e dell’Economia nonché dal presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni e delle province autonome e dal presidente dell’Agenzia spaziale italiana.

“Il nostro Paese vanta una leadership mondiale nelle politiche spaziali e aerospaziali, con un comparto che conta circa 6.000 addetti e ricercatori”. Lo ha dichiarato il senatore del Pd Salvatore Tomaselli, relatore del ddl sulle politiche spaziali e aerospaziali appena approvato..

“Stiamo parlando- ha aggiunto Tomaselli – di una filiera con più di 200 aziende, che produce un fatturato complessivo di circa 1,6 miliardi e la cui importanza non deriva solo da questi numeri, ma dal fatto che integra e promuove lo sviluppo di competenze, processi e tecnologie vitali per l’economia nel suo complesso, portando allo sviluppo di tecnologie che spesso sono trasferite ad altri comparti produttivi. Il Comitato – ha proseguito il parlamentare dem – dovrà da un lato indirizzare e supportare l’Agenzia spaziale italiana nella definizione di accordi internazionali e nelle relazioni con organismi spaziali internazionali, dall’altro assicurare il coordinamento dei programmi e dell’attività dell’Asi con i programmi e con le attività delle altre amministrazioni nazionali.

Potrebbero interessarti anche