11 giugno, alle urne per le amministrative nel Lazio

Il turno riguarda cinquantacinque comuni, tra i quali due capoluoghi di provincia, Frosinone e Rieti, per una popolazione complessiva di circa 640.000 abitanti.

ROMA –Il turno elettorale amministrativo del Lazio dell’undici giugno è un test importante per la politica nella nostra Regione. Si tiene un anno dopo le comunali choc di Roma, che hanno segnato l’ingresso trionfale dei cinquestelle in Campidoglio, e in vista delle regionali e delle politiche. Saranno pertanto utilissime le indicazioni sugli umori degli elettori dopo i mediocri risultati del primo anno di Giunta Raggi a Roma e dopo quasi cinque di guida della Regione Lazio da parte di Nicola Zingaretti. Il turno riguarda cinquantacinque comuni, tra i quali due capoluoghi di provincia, Frosinone e Rieti, per una popolazione complessiva di circa 640.000 abitanti.

Nella provincia di Roma sono chiamati al voto ventitré comuni, dei quali sette con popolazione superiore ai 15.000 abitanti e quindi con sistema elettorale proporzionale ed eventuale ballottaggio tra i Sindaci. Si tratta di Ardea, Cerveteri, Fonte Nuova, Frascati, Grottaferrata, Guidonia e Ladispoli.

La sfida più importante si gioca a Guidonia, che con quasi ottantaduemila abitanti è la terza città del Lazio dopo Roma e Latina. La Giunta uscente è stata travolta da indagini giudiziarie e conflitti interni determinando così il contesto tradizionalmente più favorevole ai Cinquestelle, che dovrebbero arrivare al ballottaggio con il loro candidato Michel Barbet. Il ruolo di contendente dovrebbe essere appannaggio di Emanuele Di Silvio per il centrosinistra o di Alfio Cerroni, sostenuto da quattro liste civiche. Il centrodestra, diviso tra due candidate, pare essere fuori gioco.

Anche Ardea potrebbe finire ai pentastellati, che già governano la vicina Pomezia. In questo caso i più accreditati concorrenti al ballottaggio contro il candidato del M5S sono Alfredo Cugini e Alessandra Cantore, che rappresentano centrodestra e centrosinistra, anche se entrambi in un contesto civico e in parte trasversale.

Più tradizionali gli scontri negli altri comuni. A Cerveteri parte in pole position il Sindaco uscente di centrosinistra Alessio Pascucci. A Frascati si prevede un ballottaggio tra Raffaele Pagnozzi, già segretario generale del CONI per il centrosinistra e Roberto Mastrosanti, candidato civico. A Grottaferrata nel duello tra Bertuzzi del centrosinistra e Moira Masi del centro destra potrebbe inserirsi il civico Andreotti. Sfide tra centrosinistra e centrodestra anche a Ladispoli (Marco Pierini e Alessandro Grando) mentre a Fonte Nuova l’estrema frammentazione degli schieramenti potrebbe favorire il Movimento Cinque Stelle.

 

Potrebbero interessarti anche