Anticorruzione lancia un ultimatum all’Atac

Entro 30 giorni, se non vuole incorrere in un provvedimento sanzionatorio da parte dell'Anac, la municipalizzata dovrà fornire la documentazione relativa alla gestione dei due settori

ROMA – L’Atac è stata richiamata dall’Autorità anticorruzione, la quale ha costatato delle anomalie in due filoni: nella gestione delle mense del Dopolavoro e delle forniture di pneumatici per l’azienda del trasporto pubblico romano. Entro 30 giorni, se non vuole incorrere in un provvedimento sanzionatorio con possibile deferimento al Consiglio dell’Authority, la municipalizzata dovrà fornire la documentazione relativa alla gestione dei due settori, già oggetto di attenzione da parte della Procura, nonché precise indicazioni su come intende sanare le irregolarità.

Secondo quanto emerso, l’accertamento sarebbe partito da un plico anonimo contenente tre dossier molto dettagliati sulla gestione delle mense del dopolavoro aziendale e della fornitura di pneumatici per i mezzi Atac, portato un anno fa in Procura dal senatore del Pd Stefano Esposito, accompagnato dall’ex direttore generale Marco Rettighieri.

 

L’ambiguità dei sindacati Nel dossier si sottolineavano della opacità riguardanti i distacchi sindacali, un accordo aziendale, che risale al lontano 1974, prevede infatti che a decidere l’affidatario del servizio mensa siano le sigle sindacali maggiormente rappresentative dei lavoratori Atac, oltre ai servizi di ristoro affidati al Dopolavoro pur in assenza di un regolare contratto e senza procedura pubblica e al costo delle gomme dei bus che, stando alle informazioni raccolte, sarebbe lievitato fino a 16 milioni rispetto agli 8,7 previsti.

Nel 1998 questa intesa tra la municipalizzata capitolina e i sindacati sarebbe stata rafforzata con l’aggiunta di un contributo economico finalizzato alla manutenzione dei locali adibiti a mensa, concedendo ai sindacati un monopolio della scelta del gestore della mensa. Secondo l’Anac ormai non sarebbe più rinviabile l’affidamento del servizio con una gara ad evidenza pubblica. La situazione è simile per quanto riguarda la fornitura di pneumatici, rispetto alla quale l’Autorità guidata da Cantone richiede ad Atac di conoscere chi è stato ad aggiudicarsi il nuovo l’appalto del servizio, in precedenza affidato a Gommeur Srl.

Potrebbero interessarti anche