Cittadella Paralimpica, si va verso la soluzione

La prima struttura italiana interamente dedicata allo sport Paralimpico alle Tre Fontane

ROMA – Sono passati dodici anni da quanto l’allora sindaco di Roma Walter Veltroni, insieme all’attuale presidente del Cip Luca Pancalli, posero la prima pietra all’impianto sportivo delle Tre Fontane dell’Eur destinata a diventare la prima cittadella dello sport paralimpico italiana.

Sembrava facile arrivare alla conclusione dei lavori, invece gli ostacoli trovati lungo il percorso sono stati troppi e così, ancora oggi, l’impianto non è stato inaugurato. Il motivo principale dell’intoppo si è scoperto qualche anno fa, quando l’Ente Eur ha portato a conoscenza del Comune di Roma, che quasi un terzo dell’area concessa al Cip era di proprietà della Spa che gestisce il quartiere della capitale e non del Comune. Così è partito un lungo contenzioso che ancora oggi non si è risolto. O meglio è in via di soluzione, anche se provvisoria.

In sostanza la dirigenza dell’Eur si è resa disponibile a concedere a titolo gratuito l’area al Comune e quindi al Cip per un anno, al termine del quale il Comune diventerebbe proprietario dell’area. La contropartita messa sul piatto è quella di alcuni lavori straordinari che l’Ente deve fare per sistemare la questione del marciapiede della Nuvola di Fuksas e altri lavori, che sarebbero a carico dell’amministrazione comunale.

Una soluzione che sembra equa e di veloce attuazione. Salvo intoppi, dunque, prima della fine del mese potrebbe essere siglata l’intesa e a quel punto il Cip porterebbe a compimento i lavori (ad oggi più di due terzi delle strutture sono finite e pronte) inaugurando per la prossima stagione sportiva l’impianto.

“Da settembre stiamo aspettando una soluzione del problema, purtroppo ancora non si vede luce, credo che a questo punto anche il Comitato debba muovere i passi necessari a propria tutela. Noi stiamo spendendo denaro pubblico, la manutenzione per un anno costa più di 300 mila euro l’anno, siamo privi del Centro Paralimpico e abbiamo pure la beffa dei costi”. Lo ha detto il presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli, a margine della presentazione della Rome Half Marathon Via Pacis, a chi gli chiedeva se fosse in arrivo una soluzione del contenzioso che da settembre scorso blocca l’apertura del Centro Paralimpico.

“Spero che Eur Spa e Campidoglio, che stanno dialogando, trovino presto una soluzione che ci sembra sia a portata di mano “.

di Federico Pasquali

Potrebbero interessarti anche