Processo in Vaticano, il cardinale Bertone possibile testimone

Sul banco degli imputati Giuseppe Profiti e Massimo Spina, ex manager ed ex tesoriere della fondazione Ospedale Bambino Gesù

ROMA – Il processo per peculato a carico di Giuseppe Profiti e Massimo Spina, ex manager ed ex tesoriere della fondazione Ospedale Bambino Gesù, e relativo ai fondi utilizzati per la ristrutturazione dell’appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, è iniziato oggi nel tribunale vaticano con una udienza preliminare. Il Segretario di Stato emerito potrebbe essere ascoltato come testimone.

In apertura di dibattimento l’avvocato di Spina, Alfredo Ottaviani, ha spiegato che con la convocazione dei testimoni la difesa intende dimostrare che “il dottor Spina non aveva alcun potere di firma e non aveva neanche potere di cassa, poiché le mansioni non lo prevedevano. Egli aveva solo funzioni di indirizzo dei flussi finanziari. Chi ha detto il contrario dovrà spiegare da dove ha ricavato queste informazioni che sono false. Il tesoriere non è il cassiere. Si sta equivocando sull’incarico del dottor Spina”.

“Spina – ha continuato l’avvocato – eseguiva ordini precisi, come ha riconosciuto anche il Promotore di giustizia, e non poteva esimersi dai compiti che erano parte del suo ufficio, come ha detto anche il dottor Profiti, che gli diceva “i tuoi compiti non sono questi, questo non fa parte delle tue funzioni. Egli doveva eseguire degli ordini che gli venivano da livelli superiori al suo ed ha fatto quello che doveva fare”.

Il giudice Paolo Papanti-Pellettier, che presiede il processo in sostituzione del presidente del tribunale, Giuseppe Dalla Torre, che si astiene dalla sua funzione in quanto membro del consiglio di amministrazione del Bambino Gesù, è intervenuto a questo punto per chiedere chiarimenti circa l’istanza depositata dalla difesa di Spina nella quale si accenna al fatto che “il Segretario di Stato emerito venga citato a testimone”.

In risposta, l’avvocato ha fatto menzione di una lettera agli atti del processo, sinora ignota al pubblico,  del cardinale Bertone (che non è indagato) che “esclude le responsabilità” di Spina, per cui “se il documento è ammesso a noi va benissimo”.

Il tribunale vaticano ha messo a verbale, a conclusione dell’udienza, che l’audizione di testimoni “a vario livello istituzionale” può “essere presa in considerazione”.

L’udienza odierna del processo vaticano a carico dell’ex manager del Bambino Gesù Giuseppe Profiti e dell’ex tesoriere Massimo Spina è stata aggiornata, con anticipo rispetto alla conclusione del periodo feriale, al sette, otto e nove settembre, quando peraltro Papa Francesco sarà in Colombia (6-11 settembre).

“Le ferie di questo tribunale durano fino al 20 settembre, ma il tribunale è disposto, in considerazione dell’importanza del fatto, ad anticipare la prosecuzione al sette settembre, prevedendo che esso si svolga il sette, l’otto e il nove settembre ed eventualmente alcuni giorni della settimana successiva”, ha detto il giudice Paolo Papanti-Pelletier.

Potrebbero interessarti anche