Trenitalia e Mytaxi, sconto del 50% sulle corse da e per le stazioni

A Roma e Milano su tutte le corse pagate via App. Sconcerto tra le sigle sindacali dei tassisti

ROMA – Nasce una collaborazione fra Trenitalia (Gruppo FS Italiane) e Mytaxi: l’App del Gruppo Daimler (Mercedes) presente in 70 città di 11 Paesi europei, con 120.000 taxi in Europa di cui 2.500 in Italia, e che di recente è sbarcata a Torino.

L’obiettivo della partnership è rendere più comodo, veloce e conveniente percorrere il “primo e ultimo miglio” cittadino, iniziando dalle stazioni di Roma e Milano, città dove la presenza di Mytaxi è ormai consolidata.

È la prima volta nel Vecchio Continente che si realizza una partnership del genere: scatta uno sconto del 50%, offerto da Mytaxi fino al 31 ottobre 2017, su tutte le corse pagate via App che avranno come partenza o destinazione le stazioni di Roma Termini, Tiburtina e Ostiense e di Milano Centrale, Garibaldi e Rogoredo. Nei mesi successivi si aggiungeranno ulteriori iniziative promozionali dedicate ai clienti Trenitalia, fruibili attraverso percorsi di prenotazione e acquisto interamente digitali.

L’amministratore delegato di Trenitalia, Orazio Iacono, e il Ceo di Mytaxi, Andrew Pinnington, hanno illustrato il programma di progressiva integrazione tra i rispettivi sistemi informatici che consentirà ai clienti, già tra qualche mese, di acquistare voucher scontati per l’utilizzo di Mytaxi direttamente sul sito internet di Trenitalia, in abbinamento all’acquisto del biglietto del treno: lo sconto a Milano e Roma è solo il primo passo. Inoltre, per i 6.800.000 soci CartaFreccia, sarà presto possibile iscriversi a Mytaxi inserendo il proprio codice fedeltà e accumulare un punto per ogni chilometro percorso in taxi: verrà eliminato dall’importo della corsa anche il costo di ogni supplemento per il trasporto dei bagagli.

“Apprendiamo con sconcerto – hanno dichiarato Loreno Bittarelli e Claudio Giudici, rispettivamente presidente nazionale Unione Radiotaxi d’Italia e Unione di Rappresentanza Italiana dei Tassisti – dell’accordo tra Trenitalia ed il dispacciatore di corse di proprietà tedesca, Mytaxi.

“Che la principale compagnia ferroviaria italiana, ancora oggi a forte caratterizzazione pubblica, faccia accordi con una società controllata dal gruppo Daimler AG, controllante di Mercedes, segna il proseguimento di una politica industriale che negli ultimi venticinque anni ha progressivamente messo in mani straniere i principali asset strategici e non del Paese. E se a ciò si aggiunge che questo accordo potrà trovare applicazione soltanto in città come Roma e Milano, ed in debole prospettiva a Torino, quando in Italia sono presenti network nazionali come IT TAXI, che copre oltre cinquanta città, riteniamo questo accordo molto discutibile, non solo dal punto di vista dell’opportunità politico-industriale, ma anche commerciale. Fra l’altro, le forti scontistiche di cui si parla per un settore a tariffa amministrata, ci vedranno costretti a dover intervenire quanto prima nelle opportune sedi”.

Potrebbero interessarti anche