Cambi ai vertici delle forze dell’ordine romane

I nuovi comandanti dei Carabinieri e della Digos della Capitale

ROMA – Cambio al vertice della Digos della Questura di Roma: a succedere al primo dirigente della Polizia di Stato Mauro Fabozzi arriva Giampietro Lionetti.

Classe 1968, entrato nella Polizia di Stato nel 1992, come primo incarico fu destinato alla Questura di Caltanissetta, come funzionario addetto presso il Commissariato di Gela. La sua carriera è proseguita poi a Roma, con incarichi presso il Reparto Volanti e nei commissariati Viminale, San Lorenzo e Prati. Nel 2000 è stato dirigente del Commissariato Porta Pia e, nel 2002, di quello di Palazzo di Giustizia.

Per 10 anni, dal 2005 al 2015, ha poi lavorato presso la Digos della Questura di Roma, dove oggi torna come dirigente. Negli ultimi due anni ha diretto la Digos della Questura di Venezia e, da ultimo, quella di Torino.

Nel capoluogo piemontese ha portato a termine delicate e complesse indagini nei confronti degli Autonomi e Anarchici, ottenendo risultati di particolare importanza, tra cui le indagini sui No Tav e sulla F.A.I. (federazione anarchica informale).

Cambia anche il comandante del Reparto operativo della Capitale e del Gruppo territoriale di Ostia. Il colonnello Mario Conio prende il posto di Giuseppe Donnarumma alla guida del Reparto, mentre il tenente colonnello Pasqualino Toscani approda al Gruppo di Ostia, raccogliendo così il testimone da Alessandro Nervi.

«Conio ha una diversificata e lunga esperienza nel settore dell’investigazione – ha sottolineato il comandante provinciale dei Carabinieri il generale Antonio De Vita, presentando nella caserma G. Frignani di piazza San Lorenzo in Lucina i nuovi comandanti – Ha guidato importanti compagnie in zone disagiate: è stato a Casoria, Messina, Giugliano in Campania, al Ros di Palermo a Monreale». Prima di assumere l’attuale incarico il colonnello Conio ha retto per tre anni il comando provinciale di Rimini e, in precedenza, è stato anche comandante provinciale a Crotone.

Riguardo al Gruppo di Ostia De Vita ha spiegato che Toscani succede «in un rilevantissimo e delicato incarico che lo pone in grande evidenza». Toscani, che ha retto in passato il comando della compagnia di Cortona (Arezzo) e di Caserta, prima di assumere il nuovo incarico era alla guida del gruppo dei Carabinieri di Locri. Ora il tenente colonnello dovrà occuparsi di gestire una vasta area della Capitale e dell’hinterland in passato al centro di importanti operazioni e inchieste giudiziarie.

Soddisfatti e pronti alla nuova sfida i due nuovi comandanti. «Assumere il comando del Reparto operativo è la massima soddisfazione personale – ha commentato il colonnello Conio – anche perché con l’esperienza avuta in due comandi provinciali ho la possibilità di affrontare con maggiore completezza tutte le problematiche che ci vedranno in prima linea». Dal reparto operativo di roma comandato dal colonnello Conio dipendono il nucleo investigativo di via in Selci, il nucleo Radiomobile e il nucleo Informativo.

Pronto al nuovo incarico anche il tenente colonnello Toscani: «Sono pronto ad affrontare le sfide di un territorio ampio e delicato come quello del litorale capitolino e della città metropolitana. Cercherò di fare il mio meglio secondo le migliori tradizioni dell’Arma con impegno, passione e determinazione».

Potrebbero interessarti anche